Quantcast

Editoriali

La corsa per conquistare i moderati FEDERICO GEREMICCA*

In ossequio al vecchio motto secondo il quale il meglio è nemico del bene, Matteo Renzi ieri ha festeggiato e definito «un fatto storico» l’accordo raggiunto in materia di unioni civili. L’affermazione è tecnicamente corretta, anche se non azzera – naturalmente – la quantità di obiezioni e distinguo (sia di merito sia di metodo) che stanno accompagnando l’intesa raggiunta all’interno della maggioranza di governo.

Nessuna legge in materia, del resto, avrebbe mai potuto fare il pieno dei consensi nel Paese dei guelfi, dei ghibellini e delle piazze ancora recentemente contrapposte: e infatti, una legge che tutelasse i diritti delle «coppie di fatto» e di quelle omosessuali, l’Italia non l’aveva mai avuta. Da questo punto di vista, insomma, la soddisfazione del Presidente del Consiglio è comprensibile: anche se la questione di fiducia posta su un testo inerente addirittura i diritti civili non è certo un bel vedere.

Ma c’è anche un altro aspetto di questa controversa vicenda – un aspetto stavolta tutto politico – dal quale Matteo Renzi può forse trarre soddisfazione: ed è il segnale lanciato all’opinione pubblica moderata (da sempre maggioranza in questo Paese) con l’abbandono della cosiddetta stepchild adoption. E’ vero, il premier aveva puntato fino all’ultimo su una intesa col Movimento di Beppe Grillo per approvare una legge che sancisse anche la possibilità, per una coppia omosessuale, di adottare il figlio del partner: ma appena saltato l’accordo con i Cinque Stelle, non ha avuto dubbi sulla via da seguire. E incoraggiato da non pochi sondaggi, al salto nel buio di una battaglia a colpi di voti segreti, ha preferito cambiare cavallo e blindare con la fiducia una nuova intesa con la parte cattolica e centrista della sua maggioranza.

Del resto, per Matteo Renzi parlare al ventre molle del Paese, all’Italia moderata e di destra delle grandi periferie, è sempre stato un chiodo fisso: che non di rado lo ha reso popolare e cool più all’esterno che all’interno del suo partito. «Senza i voti di centrodestra – ripeteva fin dai tempi delle sue primarie – il Pd non vincerà mai le elezioni». E ogni volta che gliene si presenta l’occasione – che siano gli show di Maria De Filippi o, come ieri, la settimana della moda di Milano – non perde tempo e getta ponti verso mondi tradizionalmente lontani dalla sinistra.

L’esigenza di parlare a quella metà del Paese – un tempo la si sarebbe forse definita «maggioranza silenziosa» – è per altro ulteriormente cresciuta in ragione della crisi politica e di rappresentanza delle forze tradizionali di centrodestra. Secondo ogni sondaggio, infatti, vasti settori di elettorato fino a ieri fedeli a Forza Italia – parliamo di milioni e milioni di elettori – sono confusi e tentati dall’astensione: si tratta di un «territorio di caccia» per la cui conquista ogni mezzo diventa buono.

Matteo Salvini, per dire, vi esercita da tempo il suo «populismo padano» fatto di iperboli spesso inaccettabili (ieri è riuscito a definire «islamica» la Consulta e «non benvenuto» Juncker in Italia); e Beppe Grillo non disdegna incursioni che spesso disorientano e dividono il suo elettorato tradizionale. E’ proprio sulla capacità di attrarre consensi in quell’area, infatti, che si giocheranno e decideranno le prossime sfide elettorali: ed è per questo che Renzi – nonostante le critiche che salgono dalla minoranza del suo partito – non intende lasciar campo ai suoi avversari.

Ogni occasione, dicevamo, è buona: compresa l’opera di «spionaggio americano» ai danni di Silvio Berlusconi. Non sono infatti passati inosservati i toni e la rapidità d’intervento del governo sulla delicatissima questione. «Vogliamo spiegazioni» ha subito intimato il presidente del Consiglio. E ieri Maria Elena Boschi ha rincarato la dose: «Inaccettabile». C’entrano, certo, il rispetto e la lealtà che si dovrebbero a un capo di governo alleato. Ma c’entra anche la consapevolezza che certi toni e la difesa dell’autonomia nazionale piacciono molto a larga parte del Paese e non possono esser lasciati agli avversari politici.

Sono i toni che da qualche mese Matteo Renzi riserva alle politiche europee ed ai suoi «burocrati»; ed è l’inedita fermezza che in queste ore caratterizza la risposta alle rivelazioni arrivate da WikiLeaks. Cercare di conquistare l’elettorato deluso da Berlusconi difendendo Berlusconi, può apparire un azzardo. L’ennesimo, in fondo, di una premiership che non finisce di sorprendere e dividere.

 

Alcuni diritti riservati.
Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Vollono

Nato a Castellammare di Stabia, il 30 novembre 1973, è un giornalista pubblicista iscritto all'albo dei pubblicisti della Campania. Diplomatosi in Informatica all'Istituto Tecnico Statale "R.Elia" di Castellammare di Stabia (Na) con il massimo dei voti ha conseguito la Laurea in Economia e Commercio Internazionale presso l'Università Parthenope di Napoli.
Impiegato presso il Ministero della Pubblica Istruzione come Assistente Tecnico di Laboratorio per le discipline informatiche presso ITS "L. Sturzo" di Castellammare di Stabia (Na), esercita anche la professione di giornalista da diversi anni ed è Direttore Responsabile del quindicinale di informazione "NewsMania", oltre ad essere Vicedirettore del Network ViViCentro. Grande appassionato di calcio, presenta da diversi anni anche un programma radiofonico dal titolo "Il Pungiglione Stabiese", su Vivi Radio Web

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania