Quantcast
Banner Gori
Il presidente Trump è stato bandito in modo permanente da Twitter
Cronaca Editoriali

Il presidente Trump è stato bandito in modo permanente da Twitter

Twitter ha bandito definitivamente il presidente Trump, citando ‘il rischio di ulteriore incitamento alla violenza’

Il presidente Trump è stato bandito in modo permanente da Twitter

Dopo un si, no, ni durato a lungo e che ha visto un alternarsi di blocchi e sblocchi (mercoledì aveva bloccato Trump fuori dal suo account per post infiammatori dopo che una folla pro-Trump aveva preso d’assalto il Campidoglio ma poi aveva revocato la sospensione il giorno successivo), Twitter ha deciso di bloccare a tempo indeterminato l’account ufficiale di Trump (@realDonaldTrump) in considerazione anche delle sue ultime mosse, e dei suoi tweet tra i quali, ad esempio:

  • Giovedì scorso, Trump ha pubblicato un breve video in cui si è impegnato a sostenere una transizione pacifica del potere. L’account, che aveva 88,7 milioni di follower, è ora scomparso.
  • Venerdì scorso, il presidente Trump, aggirando fraudolentemente il blocco ha continuato a twittare (ne ha fatti 4) dall’account Twitter @POTUS (che è del suo fidato addetto stampa) e, tra l’altro, ha accusato Twitter di mettere a tacere lui e i suoi sostenitori scrivendo:
    • “Come dico da molto tempo, Twitter è andato sempre più in là nel vietare la libertà di parola e stasera i dipendenti di Twitter si sono coordinati con i Democratici e la Sinistra Radicale nel rimuovere il mio account dalla loro piattaforma, per mettere a tacere me – e TU , i 75.000.000 di grandi patrioti che hanno votato per me “

Tutti e quattro i tweet sono stati cancellati ed ora Trump è stato bloccato, a tempo indeterminato (ed almeno fino al passaggio delle consegne) anche su Facebook, Instagram maTrump, con la sua ormai nota improntitudine, ha informato che sta cercando di costruire una sua piattaforma e che, nel frattempo, sta negoziando con altri siti, che non ha nominato.

“Non saremo SILENZIATI!” ha scritto, dicendo ai sostenitori di “STAY TUNED!”

ed ha anticipato che presto darà un “grande annuncio.

Twitter ha sospeso definitivamente, anche l’account @TeamTrump mentre invece, per “gli account governativi, come @POTUS e @WhiteHouse”,  – scrive -, “non sospenderemo tali account in modo permanente ma prenderemo provvedimenti per limitarne l’utilizzo.

A seguire il comunicato ufficiale di Twitter

Permanent suspension of @realDonaldTrump

After close review of recent Tweets from the @realDonaldTrump account and the context around them — specifically how they are being received and interpreted on and off Twitter — we have permanently suspended the account due to the risk of further incitement of violence.

In the context of horrific events this week, we made it clear on Wednesday that additional violations of the Twitter Rules would potentially result in this very course of action. Our public interest framework exists to enable the public to hear from elected officials and world leaders directly. It is built on a principle that the people have a right to hold power to account in the open.

However, we made it clear going back years that these accounts are not above our rules entirely and cannot use Twitter to incite violence, among other things. We will continue to be transparent around our policies and their enforcement.

The below is a comprehensive analysis of our policy enforcement approach in this case.

Overview

On January 8, 2021, President Donald J. Trump tweeted:

“The 75,000,000 great American Patriots who voted for me, AMERICA FIRST, and MAKE AMERICA GREAT AGAIN, will have a GIANT VOICE long into the future. They will not be disrespected or treated unfairly in any way, shape or form!!!”

Shortly thereafter, the President tweeted:

“To all of those who have asked, I will not be going to the Inauguration on January 20th.”

Due to the ongoing tensions in the United States, and an uptick in the global conversation in regards to the people who violently stormed the Capitol on January 6, 2021, these two Tweets must be read in the context of broader events in the country and the ways in which the President’s statements can be mobilized by different audiences, including to incite violence, as well as in the context of the pattern of behavior from this account in recent weeks. After assessing the language in these Tweets against our Glorification of Violence policy, we have determined that these Tweets are in violation of the Glorification of Violence Policy and the user @realDonaldTrump should be immediately permanently suspended from the service.

Assessment

We assessed the two Tweets referenced above under our Glorification of Violence policy, which aims to prevent the glorification of violence that could inspire others to replicate violent acts, and determined that they were highly likely to encourage and inspire people to replicate the criminal acts that took place at the U.S. Capitol on January 6, 2021.

This determination is based on a number of factors, including:

  • President Trump’s statement that he will not be attending the Inauguration is being received by a number of his supporters as further confirmation that the election was not legitimate and is seen as him disavowing his previous claim made via two Tweets (12) by his Deputy Chief of Staff, Dan Scavino, that there would be an “orderly transition” on January 20th.
  • The second Tweet may also serve as encouragement to those potentially considering violent acts that the Inauguration would be a “safe” target, as he will not be attending.
  • The use of the words “American Patriots” to describe some of his supporters is also being interpreted as support for those committing violent acts at the US Capitol.
  • The mention of his supporters having a “GIANT VOICE long into the future” and that “They will not be disrespected or treated unfairly in any way, shape or form!!!” is being interpreted as further indication that President Trump does not plan to facilitate an “orderly transition” and instead that he plans to continue to support, empower, and shield those who believe he won the election.
  • Plans for future armed protests have already begun proliferating on and off-Twitter, including a proposed secondary attack on the US Capitol and state capitol buildings on January 17, 2021.

As such, our determination is that the two Tweets above are likely to inspire others to replicate the violent acts that took place on January 6, 2021, and that there are multiple indicators that they are being received and understood as encouragement to do so.

Sospensione permanente di @realDonaldTrump

Dopo un’attenta revisione dei recenti tweet dell’account @realDonaldTrump e del contesto che li circonda, in particolare il modo in cui vengono ricevuti e interpretati dentro e fuori Twitter, abbiamo sospeso definitivamente l’account a causa del rischio di ulteriore incitamento alla violenza.

Nel contesto degli eventi orribili di questa settimana, mercoledì abbiamo chiarito che ulteriori violazioni delle Regole di Twitter avrebbero potuto portare a questa stessa linea di condotta. Il nostro quadro di interesse pubblico esiste per consentire al pubblico di ascoltare direttamente i funzionari eletti e i leader mondiali. Si basa sul principio che le persone hanno il diritto di detenere il potere di rendere conto all’aperto.

Tuttavia, da anni abbiamo chiarito che questi account non sono completamente al di sopra delle nostre regole e non possono utilizzare Twitter per incitare alla violenza, tra le altre cose. Continueremo a essere trasparenti riguardo alle nostre politiche e alla loro applicazione.

Di seguito è riportata un’analisi completa del nostro approccio di applicazione delle politiche in questo caso.

Panoramica

L’8 gennaio 2021, il presidente Donald J. Trump ha twittato:

“I 75.000.000 di grandi patrioti americani che hanno votato per me, AMERICA FIRST e RENDONO L’AMERICA GRANDE ANCORA, avranno una VOCE DA GIGANTE per molto tempo nel futuro. Non saranno mancati di rispetto o trattati ingiustamente in alcun modo, forma o forma !!! “

Poco dopo, il presidente ha twittato:

“A tutti coloro che hanno chiesto, non andrò all’inaugurazione il 20 gennaio”.

A causa delle tensioni in corso negli Stati Uniti e di un aumento della conversazione globale riguardo alle persone che hanno preso d’assalto violentemente il Campidoglio il 6 gennaio 2021, questi due Tweet devono essere letti nel contesto di eventi più ampi nel paese e nel modi in cui le dichiarazioni del presidente possono essere interpretate da diversi pubblici, anche per incitare alla violenza, nonché nel contesto del modello di comportamento di questo racconto nelle ultime settimane. Dopo aver valutato il linguaggio usato in questi Tweet rispetto alla nostra politica sulla glorificazione della violenza, abbiamo stabilito che questi Tweet violano la politica sulla glorificazione della violenza e l’utente @realDonaldTrump deve essere immediatamente sospeso in modo permanente dal servizio.

Valutazione

Abbiamo valutato i due Tweet a cui si fa riferimento sopra in base alla nostra politica sulla glorificazione della violenza, che mira a prevenire l’esaltazione della violenza che potrebbe ispirare gli altri a replicare atti violenti, e abbiamo stabilito che era altamente probabile che incoraggiassero e ispirassero le persone a replicare gli atti criminali che hanno avuto luogo al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio 2021.

Questa determinazione si basa su una serie di fattori, tra cui:

  • La dichiarazione del presidente Trump che non parteciperà all’inaugurazione è stata ricevuta da un certo numero di suoi sostenitori come ulteriore conferma che l’elezione non era legittima ed è visto come una sua ritrattazione della precedente affermazione fatta tramite due tweet(12) dal suo vice Capo di Stato Maggiore, Dan Scavino, con i quali segnalava che il 20 gennaio ci sarebbe stata una “transizione ordinata”.
  • Il secondo Tweet può anche servire come incoraggiamento a coloro che potenzialmente stanno considerando atti violenti che l’inaugurazione sarebbe un obiettivo “sicuro”, in quanto lui non parteciperà.
  • L’uso delle parole “patrioti americani” per descrivere alcuni dei suoi sostenitori viene anche interpretato come sostegno a coloro che commettono atti violenti al Campidoglio degli Stati Uniti.
  • La menzione dei suoi sostenitori che hanno una “VOCE GIGANTE nel futuro” e che “Non saranno mancati di rispetto o trattati ingiustamente in alcun modo, forma o forma !!!” viene interpretato come un’ulteriore indicazione del fatto che il presidente Trump non intende facilitare una “transizione ordinata” e invece che intende continuare a sostenere, responsabilizzare e proteggere coloro che credono di aver vinto le elezioni.
  • I piani per future proteste armate hanno già iniziato a proliferare su e fuori Twitter, incluso un attacco secondario proposto al Campidoglio degli Stati Uniti e agli edifici del Campidoglio dello stato il 17 gennaio 2021.

In quanto tale, la nostra determinazione è che i due Tweet di cui sopra potrebbero ispirare altri a replicare gli atti violenti che hanno avuto luogo il 6 gennaio 2021 e che ci sono molteplici indicatori che sono stati ricevuti e compresi come incoraggiamento a farlo.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Stanislao Barretta

Stanislao Barretta

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più