Conte al G7, 080618
Editoriali Politica

Conte al G7 in Canada: l’arte di un colpo al cerchio ed uno alla botte (VIDEO)

In Canada il premier dice sì al rientro di Putin nel gruppo dei Grandi, non esclude il no alle sanzioni alla Russia e cerca di mediare sui dazi. Il tutto mentre Donald Trump litiga con il Canada e discute con la Francia per cui è un esordio che lo etichetta come unico filotrumpiano tra i capi di governo europei presenti a Charlevoix.

Muovendosi poi nell’ambito delle disposizioni leghiste imposte al governo, fa la voce grossa con l’Unione Europea sugli immigrati incassando così gli apprezzamenti del caro amico di Salvini, l’ungherese Viktor Orban che, da Budapest, afferma:

“Le cose procedono secondo i miei gusti, nella politica europea sono apparsi protagonisti duri …… Gli italiani hanno detto che vogliono fermare l’immigrazione”.

Poi però ribadisce che l’Ungheria non accetterà rifugiati di altri Paesi comunitari. “Qui non invieranno nessuno”, ha assicurato riferendosi alla proposta del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, secondo la quale i rifugiati che restano in Italia devono essere ripartiti tra i Paesi comunitari.

Ma che importa, six dixit Salvini e quindi non si discute: credere, obbedire, combattere, anche sul nodo delle sanzioni alla Russia per il quale, quando si tratterà di confermarle, non esclude di porre il veto:

“L’Italia valuterà le posizioni che emergeranno. Nel confronto con altri partner valuteremo ma c’è apertura al dialogo che non significa stravolgere un percorso iniziato con i trattati di Minsk”.

E sui dazi? NI! La posizione del governo, dice, sarà “di moderazione”:

Sui dazi commerciali – afferma Conte – c’è molta conflittualità e noi siamo qui per valutare le varie posizioni: sicuramente come è nelle nostre corde saremo portatori di una posizione moderata cercando di aprire le motivazioni e ci comporteremo di conseguenza”.

Ecco: Lui da un colpo al cerchio e uno alla botte; appunto! Ma a noi italioti va bene così visto che abbiamo votato uno dei suoi due gostwriter dandoci così, da soli, un bel colpo di tipo tafazziano del quale, oòtretutto, sembra che in tanti ne abbiano goduto e ne godano ancora (per ora) per cui …. ben ci stà e che dire se non: Io speriamo che me la cavo

Accetta i  cookies di YouTube per vedere questo video.

Accettandoli YouTube potrà conoscere i contenuti da te visualizzati grazie al servizio di terze parti che stiamo fornendo

YouTube privacy policy

Se accetti la tua scelta verrà salvata e la pagina sarà ricaricata

Stanislao Barretta

Print Friendly, PDF & Email

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania