Opinioni

Il Buongiorno sulla Luna

luna-al-massimo-per-dimensione-e-luminosita-14-novembre-2016 (reuters)
La SuperLuna, 14 novembre 2016 (reuters)

Tutti hanno guardato la luna, ieri sera: erano sessantotto anni che non la si vedeva così grande e per rivederla così bisognerà aspettarne altri 18. Noi, scrive la Stampa, l’abbiamo guardata con gli occhi di Massimo Gramellini.

Guarda che luna

Esistono notti in cui la natura non trasmette paura, ma meraviglia. Notti in cui, oltre che piccoli, ci fa sentire grandi. Di queste esperienze ad alta fascinazione ipnotica ne abbiamo appena vissuta una, e il modo in cui l’abbiamo fatto è un termometro che misura la temperatura del nostro umore. Così enorme e così vicina la luna non si palesava da sessantotto anni e tornerà a farlo soltanto tra diciotto. Qualcuno avrà tenuto gli occhi bassi e, nei casi più gravi, preferito gustarsi un dibattito sul referendum alla tv. Qualcun altro si sarà goduto lo spettacolo in solitudine: per destino o per scelta, a volte altrui. Mentre i fortunati in grado di condividerlo con chi amano si saranno schierati in due categorie. Quelli che avranno fatto un selfie con la luna, considerandola un’emozione che andava più testimoniata che vissuta. E quelli che l’avranno gustata insieme in silenzio, lasciandosi assorbire dalla sua potenza e imprimendosi nella memoria un momento di eternità.

Il mio pensiero commosso va però a coloro che avranno sollevato speranzosi lo sguardo verso l’astro cantato da Leopardi e, trovata soltanto una schiuma irritante di nuvole, avranno mandato affettuosamente l’universo a quel paese.

Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati

vivicentro.it/opinioni
vivicentro/Il Buongiorno sulla Luna
lastampa/Guarda che luna MASSIMO GRAMELLINI

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale