Quantcast

Bastian contrario
Opinioni Politica

Bastian Contrario (Lo Piano – Saintred)

Il termine ‘ bastian contrario ‘, impiegato sia in politica che nella vita quotidiana, sta ad indicare che fra una o piu’ persone, si possano avere, per partito preso ,idee non solo diverse, ma diametralmente opposte a quelli della maggioranza.
 
L’importante e’ che non venga offesa né  la dignita’, né l’onorabilita’ di ogni singola persona, chiarito questo concetto, entriamo nel merito. 
 
Un Governo democratico, ha nella maggior parte dei casi un’opposizione, tanto piu’ questa e’ forte, tanto piu’, puo’ essere in grado di farlo cadere.
 
Da quando le ‘redini’ dell’Italia sono state prese dai Giallo Verdi, si e’ scatenato un putiferio mediatico, i bastian contrari, lo attaccano a testa bassa, usando espressioni, spesso poco conformi, alle normali dialettiche politiche.
 
I casi di insulti sempre piu’ denigratori e oltremodo lesivi sulla persona, sono stati molteplici, cosi’ come i tentativi di arrivare ad un vero scontro fisico tra le opposte fazioni.
 
Si sa che il lavoro delle opposizioni e’ quella di colpire ai fianchi, solo che questa volta, il Governo e’ appoggiato dal consenso di milioni di Italiani che lo hanno eletto, il loro voto ha dato forza ai partiti di maggioranza che stanno mettendo in atto la maggior parte dei programmi che erano stati promessi in campagna elettorale.
 
Al Governo si contesta tutto, ogni decisione politica per i bastian contrari, e’ sempre sbagliata, come se coloro che oggi lo denigrano, non avessero avuto la possibilita’ di stare al comando della nave Italia per anni e anni.
 
I pomi della attuale discordia politica sono due: 
 
1) Reddito di cittadinanza. 
2) Quota 100.
 
Iniziamo dal reddito di cittadinanza, una Legge approvata dal Governo per dare la possibilita’ a milioni di italiani di avere la possibilita’ di poter sopravvivere.
 
In altri Paesi Europei, gia’ da anni, sono stati messi in opera redditi di cittadinanza, tutto questo non ha fatto scalpore, perché solo in Italia si?

 
Secondo pomo della discordia : quota 100. 
 
In un Paese dove i giovani continuano ad emigrare, in cui non riescono a trovare un posto di lavoro, e’ giusto che vi sia uno svecchiamento, per dar la possibilita’ ad altri, di affacciarsi nel mondo lavorativo?

La motivazione delle opposizioni per entrambe le riforme sono le stesse : senza coperture finanziarie, come si fanno ad elargire soldi? Oppure si potrebbe pensare che… non si sono mai voluti trovare?
 
La domanda andava posta gia’ qualche anno fa, quando con i precedenti Governi si e’ distrutto l’asse portante del nostro tessuto sociale, parlo della classe media. 
 
Dove erano i bastian contrari di oggi, quando si e’ attuata una simile politica? Al Governo !  
 
Quando il nostro PIL, sotto il Governo Berlusconi, lo spread ha superato i 500 punti base, necessariamente ci si e’ dovuti rivolgere ad una persona che agisse con fermezza sui nostri conti pubblici, attuando quella che viene definita una politica di lacrime e sangue. 
 
Le dritte montiane, anche se ritenute strettamente necessarie, a cosa hanno portato? al completo impoverimento delle classi gia’ deboli.
 
Chi ha una famiglia ed ha perso il lavoro, non certo per colpa degli ultimi arrivati, e’ giusto che sopravviva? Le colpe di questa disastrosa situazione economica in cui versa l’Italia, stanno molto piu’ a monte, vanno ricercate in altri Governi che hanno pensato piu’ alla loro “conservazione politica”, che al futuro dei propri concittadini.
 
Con le elezioni di Marzo scorso, per la 1 volta in Italia si sta attuando una politica innovatrice, non rivolta ai ricchi, ma a tutti quei cittadini che sono rimasti sempre fuori dalla porta delle riforme.. 
 
Su tanti giornali, televisioni, nazionali e private, non si fa altro che sminuire l’operato di questo governo. Agendo in questo modo, si offusca l’immagine dell’Italia nel Mondo, si allontanano gli investitori stranieri, facendo nel contesto aumentare il PIL.
 
Se, le riforme volute dal Governo dovessero avere successo, l’Italia potrebbe diventare per tutta l’Europa la nuova scuola guida.
Se naufragassero, non avremmo nulla da perdere, perché gia’ da tempo, l’Italia non ha mai avuto in dotazione le “scialuppe di salvataggio”.
Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

I nostri ultimi video

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania