Quantcast
Banner Gori
Notizie Varie

Napoli, parcheggiatori abusivi controllano zona Maschio Angioino, la videodenuncia: “I vigili non intervengono”

Napoli, parcheggiatori abusivi controllano la zona nei pressi del Maschio Angioino, la videodenuncia di un cittadino: “I vigili non intervengono“. I Verdi: “Serve una norma strutturata che permetta l’arresto”

I parcheggiatori abusivi continuano a proliferare a Napoli: alcuni cittadini hanno denunciato la presenza di estorsori della sosta nella zona di via Riccardo Filangieri, la strada che divide il Palazzo Reale e il Maschio Angioino. Nel video, pubblicato dal consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli, si vede un parcheggiatore abusivo a bordo strada impartire indicazioni ad automobilisti e “colleghi”. Il tutto davanti a una pattuglia dei vigili urbani che non sarebbe intervenuta per porre fine all’attività illecita in corso.
“Gli estorsori della sosta militarizzano le strisce blu e ogni posto libero, anche in zone gravate da divieto di sosta, con il parcheggio degli spalti del Maschio Angioino a due passi. I parcheggiatori abusivi, grazie al controllo della zona, introitano cifre consistenti in barba alla legge. Un’attività illegale che genera oltretutto un danno economico consistente per l’Anm”. ha commentato Borrelli che riferisce di aver inviato una nota alla polizia municipale evidenziando la presenza degli estorsori chiedendo un rapido intervento.
“Non possiamo non ribadire che serve una norma strutturata che permetta ai magistrati di detenere in carcere gli estorsori della sosta.” continua il consigliere dei Verdi.
“Le nostre speranze in tal senso sono riposte nell’attuale maggioranza parlamentare e nel ministro dell’Interno Lamorgese. Dopo la norma farlocca di Salvini, lasciata priva dei decreti attuativi, è il momento di dare una risposta seria alle istanze delle migliaia di automobilisti che sono stanchi di essere vessati dai delinquenti che gestiscono abusivamente la sosta”.

Parcheggiatori abusivi Maschio Angioino

I parcheggiatori abusivi militarizzano le strisce blu di via Riccardo Filangieri, con il parcheggio degli spalti del Maschio Angioino a due passi. Borrelli (#Verdi): “Affari d’oro per gli estorsori della sosta e danno economico consistente per l’Anm. Abbiamo inviato una nota alla polizia municipale per evidenziare la loro presenza ma è necessaria una norma per detenerli in carcere”“Un cittadino ci ha inviato un video che mostra i parcheggiatori abusivi scatenati in via Riccardo Filangieri, la strada che divide il Palazzo Reale e il Maschio Angioino. Gli estorsori della sosta militarizzano le strisce blu e ogni posto libero, anche in zone gravate da divieto di sosta, con il parcheggio degli spalti del Maschio Angioino a due passi. I parcheggiatori abusivi, grazie al controllo della zona, introitano cifre consistenti in barba alla legge. Un’attività illegale che genera oltretutto un danno economico consistente per l’Anm”. Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Abbiamo inviato una nota alla polizia municipale evidenziando la presenza degli estorsori e chiedendo dunque di intervenire. Ma non possiamo non ribadire che serve una norma strutturata che permetta ai magistrati di detenere in carcere gli estorsori della sosta. Le nostre speranze in tal senso sono riposte nell’attuale maggioranza parlamentare e nel ministro dell’Interno Lamorgese. Dopo la norma farlocca di Salvini, lasciata priva dei decreti attuativi, è il momento di dare una risposta seria alle istanze delle migliaia di automobilisti che sono stanchi di essere vessati dai delinquenti che gestiscono abusivamente la sosta”.

Gepostet von Francesco Emilio Borrelli am Donnerstag, 24. Oktober 2019

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Avatar

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più