Quantcast
Banner Gori
Notizie Varie

Napoli, omicidio al Rione Villa: confermato il carcere per il boss

L’uomo assassinato stava portando il nipotino a scuola

Il giudice per le indagini preliminari, Valeria Montesarchio, del Tribunale di Napoli ha convalidato il fermo ed emesso ordinanza di custodia cautelare in carcere per il boss Umberto D’Amico e per gli altri presunti esponenti della cosca accusati dell’omicidio di Luigi Mignano e del ferimento del figlio Pasquale.

Il provvedimento di fermo della Dda eseguito dai carabinieri ha riguardato Umberto Luongo, Gennaro Improta, Ciro Rosario Terracciano e Salvatore Autiero, Giovanni Musella e Giovanni Borrelli. Quest’ultimo, a differenza degli altri, non risponde del reato di omicidio ma di favoreggiamento aggravato dalla matrice camorristica, per essersi disfatto dell’arma usata per il raid. L’agguato si è consumato il 9 aprile scorso al rione Villa a San Giovanni a Teduccio: Luigi Mignano, imparentato col boss Ciro Rinaldi, stava portando a scuola il nipotino.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Avatar

Michele Avitabile

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più