Quantcast

Banner Gori
loredana simioli addio foto free facebook
Notizie Varie

Napoli, l’ultimo caloroso applauso a Loredana Simioli: il cordoglio degli artisti napoletani

Napoli, l’ultimo caloroso applauso a Loredana Simioli, oggi presenti alla camera ardente tantissimi colleghi: il cordoglio degli artisti napoletani

La scomparsa prematura dell’attrice Loredana Simioli lasciato un velo di tristezza in tutti i napoletani e non solo. Proprio lei che ci aveva abituati alle risate scroscianti con le tantissime interpretazioni del personaggio di Mariarca con la quale aveva saputo conquistare il pubblico di Telegaribaldi. Sarebbe comunque troppo riduttivo riassumere la carriera di Loredana Simioli in poche righe, tra i tanti personaggi interpretati a teatro e al cinema. L’attrice 41enne si è dovuta arrendere al cancro, dopo averlo combattuto con coraggio e determinazione per oltre due anni. Poco fa l’ultimo applauso di parenti, amici e colleghi del mondo dello spettacolo napoletano.
Tra i tanti, per porgerle l’ultimo saluto all’interno della Sala Gemito, del complesso della Galleria Principe di Napoli, c’erano il cantautore Enzo Avitabile, il rapper Lucariello, gli attori Paolo CaiazzoPeppe Iodice, e naturalmente il fratello Gianni Simioli con il quale aveva debuttato su Telegaribaldi.
Nel corso della cerimonia,  è stato recitato il brano “La morte non è niente“, poi l’applauso commosso dei presenti, durato più di 4 minuti.

Questo il testo attribuito a Sant Agostino:
La morte non è niente
Sono solamente passato dall’altra parte: è come fossi nascosto nella stanza accanto.
Io sono sempre io e tu sei sempre tu.
Quello che eravamo prima l’uno per l’altro lo siamo ancora.
Chiamami con il nome che mi hai sempre dato, che ti è familiare;
parlami nello stesso modo affettuoso che hai sempre usato.
Non cambiare tono di voce, non assumere un’aria solenne o triste.
Continua a ridere di quello che ci faceva ridere,
di quelle piccole cose che tanto ci piacevano quando eravamo insieme.
Prega, sorridi, pensami!
Il mio nome sia sempre la parola familiare di prima:
pronuncialo senza la minima traccia d’ombra o di tristezza.
La nostra vita conserva tutto il significato che ha sempre avuto:
è la stessa di prima, c’è una continuità che non si spezza.
Perché dovrei essere fuori dai tuoi pensieri e dalla tua mente, solo perché sono fuori dalla tua vista?
Non sono lontano, sono dall’altra parte, proprio dietro l’angolo.
Rassicurati, va tutto bene.
Ritroverai il mio cuore, ne ritroverai la tenerezza purificata.
Asciuga le tue lacrime e non piangere, se mi ami: il tuo sorriso è la mia pace.

 

Print Friendly, PDF & Email
https://alleanzalavoro.it/

In merito all'autore

Avatar

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più