Quantcast
Banner Gori
Notizie Varie

ESCLUSIVA – Lega, Tito e Romano: “Gli stabiesi prima di tutto. Immigrati, non tutti. Petardo? Abbiamo una nostra idea, vi spiego…”

La Lega a via Ettore Tito per manifestare contro il Protocollo Minniti. 

Questa mattina a Castellammare di Stabia si è tenuta la manifestazione della Lega contro il protocollo Minniti firmato a Napoli la scorsa settimana. Molte le rappresentanze politiche presenti nella città, tra cui il coordinatore di Castellammare di Stabia, il Dott. Giovanni Tito. Non sono mancati i disagi e le contestazioni, come l’esplosione di una bomba carta. In merito all’episodio ed all’evento si è espresso proprio lo stesso coordinatore Tito.

La manifestazione di Noi con Salvini a Castellammare, qual è l’obbiettivo per la città?

“L’obiettivo della manifestazione di questa mattina è difendere i diritti degli stabiesi, poichè vengono sempre prima i diritti dei nostri cittadini. Oggi, nonostante l’intento pacifico della nostro evento c’è stato un episodio di violenza; è stato sparato un petardo durante l’allestimento del gazebo, molto probabilmente si tratta di un’iniziativa dei centri sociali. La cosa ci rattrista in quanto non siamo mai andati a protestare con violenza durante gli eventi politici di altri schieramenti”. 

Il sindaco Pannullo ha dichiarato durante la conferenza stampa di fine anno che non esiste un numero effettivo e già ufficiale di migranti destinati al nostro territorio, lei è d’accordo?

“No, perchè ogni comune ha firmato l’accordo dove era precisato un numero specifico di migranti destinati al territorio, scelti anche in base alla densità della popolazione. Dovrebbero essere infatti per Castellammare più di 200”.

In previsioni delle elezione nazionali, perchè uno stabiese dovrebbe votare Salvini?

“Perchè Salvini si è fatto carico anche dei problemi del Sud e di tutta la nazione, dell’abolizione della legge Fornero e di tanti altri provvedimenti che vanno a discapito degli italiani stessi”. 

In merito alla questione si è espresso anche il Dott. Alberto Romano , giornalista nonchè dirigente provinciale di Noi con Salvini per il settore della comunicazione e militante nella zona di Terzigno

Effettivamente, Salvini è contro l’immigrazione?

“Assolutamente no. Coloro che scappano un regime dittadoriale, ad esempio i siriani o da una guerra, ad esempio i siriani, sono per noi i benvenuti. Non mi sta bene che possano venire però tutti; non possiamo accogliere tutti“. 

I napoletani sono un popolo molto fiero della loro appartenenza ed alcuni si sono “legati al dito” le dichiarazioni che Salvini ha fatto contro di loro durante eventi calcistici di rilievo nazionale, lei cosa ne pensa?

“Io sono uno di questi napoletani, non ho apprezzato sicuramente quelle dichiarazioni, le bravate goliardiche di Salvini che espresse tra tifosi milanisti, però c’è da dire che alcune dichiarazioni forti che andavano al di là dello sportivo sono fatte anche da Grillo. La differenza è che Salvini si è scusato, Grillo no. Adesso Salvini non fa pià parte della Lega nord, ma bensì della Lega, cioè di una realtà politica costruita per tutti gli italiani. Io provengo, come coloro che sono sono qui a sostenere Salvini, da realtà ben diverse rispetto alla Lega originaria; ci sono ex militanti di Alleanza Nazionale, Forza Italia, Fratelli d’Italia. La nostra trilogia era “dio, padre e famiglia”; attualmente noi individuiamo come nostro capitano solo chi difende queste tradizioni”. 

a cura di Annalibera Di Martino

RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Avatar

Annalibera Di Martino

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più