Quantcast

guardia di finanza napoli salerno fiamme gialle
Cronaca

Terremoto Marche, 120 persone intascavano contributi dello Stato senza averne diritto: i dettagli della truffa

La truffa scoperta dalla Finanza: avevano dichiarato l’inagibilità della propria abitazione a seguito del Terremoto del 24 agosto 2016, ma in realtà vivevano altrove, anche all’estero

Le terribili immagini del terremoto del 24 agosto 2016 sono ancora vivide nell’immaginario collettivo, ma a quanto pare il rispetto per chi ha vissuto la tragedia non ha fermato i soliti approfittatori: centinaia di persone avrebbero dichiarato che, vista l’inagibilità della loro abitazione, erano costretti a trovare un nuovo alloggio in affitto; per questo avevano presentato delle richieste per ricevere l’apposito Contributo di autonoma sistemazione (Cas). Peccato che le persone finite nel mirino della Guardia di Finanza di Camerino, avrebbero percepito il contributo illecitamente, poichè con vari stratagemmi erano riusciti ad ottenere la residenza nelle città colpite dal sisma – necessaria per accedere al fondo – pur vivendo in altre regioni o addirittura all’estero. Le Fiamme Gialle, grazie alle indagini iniziate dopo le prime erogazioni del contributo, avrebbero accertato ben 120 casi e che oltre 500mila euro sono stati erogati a persone che non ne avevano diritto. Questi i numeri dell’operazione “Anubi” delle Fiamme Gialle di Camerino, che ha portato a sequestri per oltre 120mila euro.
Fin dai primi accertamenti, racconta laRepubblica, erano emerse anomalie importanti: molti dei comuni inseriti nel cratere sismico, infatti, sono mete turistiche e per questo sono caratterizzati dalla presenza di molte seconde case. Abitazioni, dunque, non occupate dai proprietari per tutto l’anno, ma solo per brevi periodi estivi o invernali. Nonostante ciò, vista l’inagibilità di quelle case, erano state presentate richieste per il contributo. Le indagini hanno permesso così di far luce su una serie di situazioni, che hanno portato a 120 denunce.
C’è chi, pur lavorando e avendo interessi altrove, sia in Italia che all’estero, ha fatto richiesto del contributo destinato ai residenti con casa inagibile. Si è appurato che, già da prima degli eventi sismici del 2016, alcuni cittadini vivono e lavorano in altre località, altri hanno addirittura concesso l’abitazione in locazione a studenti universitari o lavoratori. Altri ancora, per far lievitare il contributo, hanno dichiarato la presenza di parenti che in realtà vivono stabilmente altrove già da anni.
Addirittura, le indagini hanno permesso di scoprire anche alcune famiglie che hanno continuato a vivere stabilmente presso la propria abitazione, pur dichiarando di alloggiare altrove. L’operazione è stata condotta attraverso l’esame di autodichiarazioni e riscontro dei dati dichiarati dai singoli richiedenti, con indagini avviate e poi coordinate dal procuratore di Macerata Giovanni Giorgio.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania