Quantcast

Cronaca

Terremoto in Indonesia, centinaia di cittadini Italiani bloccati a Lombok: la missione della Farnesina

 Terremoto in Indonesia, centinaia di cittadini Italiani bloccati a Lombok: la missione dell’unità di crisi della Farnesina

Aumenta il conto dei morti in Indonesia. Lo ha confermato l’Agenzia nazionale per i disastri naturali secondo cui il sisma ha distrutto 13mila edifici. I soccorritori sono ancora al lavoro nel tentativo di farsi strada tra la macerie. Finora sono state evacuate migliaia di persone. Altre migliaia sono ancora in attesa di essere soccorse, soprattutto alle isole Gili, da dove il trasferimento deve avvenire per forza in barca fino a Lombok.
Intanto fonti della Farnesina hanno dichiarato che, durante la notte, l’Unità di Crisi della Farnesina e la rete diplomatica italiana in Indonesia – in stretto contatto con le Autorità locali indonesiane – hanno eseguito un “lavoro di verifica, orientamento ed assistenza” messo in campo a favore degli italiani presenti nell’area colpita dal sisma.
Una missione consolare dell’Ambasciata d’Italia, disposta in raccordo con l’Unità di Crisi, è giunta oggi a Lombok da Jakarta, per fornire ogni possibile ulteriore supporto, anche sul fronte dei documenti per il rientro in Italia dei tantissimi connazionali rimasti bloccati nel Paese.
Le stesse fonti hanno anche dichiarato che la priorità è il rientro (il più rapidamente possibile) verso le isole maggiori (Lombok e Bali) con i mezzi messi a disposizione dalle Autorità locali, in una adeguata cornice di sicurezza, considerate anche le difficili condizioni del mare in questi giorni.
Tra i superstiti anche il campione olimpico di scherma, Aldo Montano. In vacanza con la moglie Olga alle Gili. L’atleta si trovava proprio nella regione dove si è verificato il terribile terremoto di magnitudo 6,9.
Abbiamo vissuto scene apocalittiche – ha raccontato l’atleta all’Ansa – Un boato con la fortissima scossa di terremoto e il terrore dell’allarme tsunami. Ora siamo all’aeroporto di Lombok nel caos per tornare a Bali e da lì in Italia, ma ovviamente il volo non è nemmeno inserito sul monitor: un’attesa senza fine. Siamo riusciti a contattare la Farnesina che ci ha gentilmente lasciato il numero dell’ambasciata italiana a Giakarta e del consolato italiano a Bali che ovviamente non hanno risposto. Ce la siamo dovuta vedere da soli. Ci siamo arrangiati insieme ad altri quattro italiani. Blackout e le sole torce del telefonino ad illuminare il sentiero. Scene da vera Apocalisse: barche prese d’assalto per spostarsi da un’isola all’altra e istinto su cosa fare, anche contro la volontà delle persone del posto“.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

-

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania