Cronaca

La rivolta razziale nella corsa alla Casa Bianca

manifestanti-a-charlotte
Charlotte - I manifestanti hanno protestato con violenza sfidando la polizia e hanno anche assaltato un supermarket

Un altro nero viene ucciso dalla polizia a Charlotte e nelle strade si scatena la guerriglia La rivolta razziale contro le violenze irrompe anche nella campagna presidenziale americana, dove i sondaggi danno Trump appaiato a Hillary Clinton, se non avanti. In teoria, lui dovrebbe prendere meno del 5% del voto dei neri, ma sta cercando comunque di tentarli.

Un altro nero ucciso dalla polizia, scontri e saccheggi a Charlotte

La rivolta razziale contro le violenze irrompe nella campagna presidenziale americana. Testa a testa tra democratici e repubblicani. E ora Trump cerca i voti degli afroamericani

NEW YORK – «La polizia ha sparato a mio padre quattro volte perché è nero. Mio padre è morto, è morto, è morto!». Urla, Lyric Scott, mentre via Facebook trasmette le immagini che stanno scatenando la guerriglia urbana a Charlotte. Suo padre, Keith Lamont Scott, è stato ucciso dalla polizia, e quel video sta riaccendo la rabbia dei neri, come era successo a Ferguson due anni fa. Violenze che irrompono anche sulla campagna presidenziale, obbligando i candidati a reagire. Ma aiuteranno Trump, spingendo gli elettori verso l’uomo della «legge e ordine», o Hillary, che invece punta al voto nero come unica in grado di realizzare le promesse mancate di Obama?

Scott aveva 43 anni, e martedì sera verso le quattro del pomeriggio stava aspettando che il figlio tornasse dalla scuola, seduto nella sua auto parcheggiata tra Old Concord Road e Bonnie Lane, nel quartiere della città chiamato University City. Gli agenti erano venuti a cercare un altro uomo incriminato per un reato, quando hanno visto Keith aprire lo sportello. Secondo la loro versione, aveva in mano una pistola. Quindi è rientrato nella sua macchina, ed è nuovamente uscito mostrando l’arma. I poliziotti gli hanno intimato di fermarsi e posare la pistola, ma lui non ha obbedito. A quel punto uno degli agenti, il nero Brentley Vinson, ha aperto il fuoco. Il resto, è quello che si vede nel drammatico video di Lyric: «I poliziotti hanno sparato a mio padre perché è nero». E poi: «My daddy is dead, my daddy is dead!», comincia ad urlare, mio papà è morto. La famiglia dice che Scott era disabile e non armato: aveva in mano solo un libro, che stava leggendo mentre aspettava il figlio.

Il video in breve diventa virale, oltre mezzo milione di visioni, e le strade di Charlotte si riempiono di gente che urla e protesta. Lungo la Interstate 85 cominciano gli scontri con la polizia, e quando cala la sera un supermercato Walmart viene assaltato. In strada bruciano i copertoni, gli agenti sparano i lacrimogeni, e almeno sedici di loro restano feriti. Ancora una Ferguson, dove un poliziotto bianco uccise il giovane nero Mike Brown, come se due anni fossero passati invano. Ancora le urla “hands up, don’t shoot”, mani alzate, non sparate. Ancora la rabbia di “Black Lives Matter”, anche se stavolta a sparare è stato proprio un agente nero. I leader della Nation of Islam chiedono di boicottare tutti i negozi dei bianchi.

Il giorno dopo il capo della polizia di Charlotte, il nero Kerr Putney, spiega la sua versione: «Non abbiamo trovato alcun libro, nella zona della sparatoria. C’era una pistola, però. I poliziotti si sono sentiti minacciati, e hanno reagito». Sempre la stessa storia: minacciati, o troppo pronti a sparare, se davanti c’è un nero? Stavolta però l’agente era nero: ha avuto paura di qualcuno che magari veniva dalla sua stessa comunità?

L’emergenza però resta nazionale. Solo pochi giorni fa, infatti, la poliziotta bianca di Tulsa Betty Jo Shelby ha ammazzato il nero Terence Crutcher, che aveva le mani visibilmente alzate: era poggiato alla sua auto e non aveva armi. Putney adesso si aspetta un’altra notte di proteste a Charlotte, col rischio che sfuggano di mano come era accaduto a Ferguson. La nuova protesta però sta già avendo un effetto sulla campagna presidenziale, dove i sondaggi ormai danno Trump appaiato a Clinton, se non avanti. In teoria, lui dovrebbe prendere meno del 5% del voto dei neri, ma sta cercando comunque di tentarli: «Non siete mai stati così male, cosa avete da perdere se provate un’altra strada?». L’altra strada sarebbe lui, che infatti ha tenuto un comizio in una chiesa in Ohio col promoter di boxe Don King. Pur essendo il candidato di “legge e ordine”, ha scelto una linea conciliante verso gli afro americani: «Quell’agente a Tulsa? Non ho idea di cosa stesse pensando. Forse certa gente semplicemente non dovrebbe fare certi lavori». Hillary invece a Orlando ha detto che «le violenze sono troppe, intollerabili, devono smettere». Ma basterà questo a spingere i neri ad andare alle urne per lei, oppure la rabbia razziale le farà perdere anche questo blocco di elettori?

Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati

vivicentro.it/politica
vivicentro.it/La rivolta razziale nella corsa alla Casa Bianca
lastampa/Un altro nero ucciso dalla polizia, scontri e saccheggi a Charlotte

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale