Quantcast

Costa Azzurra, Donna musulmana in spiaggia ad Alassio con il Burkini
Cronaca

Costa Azzurra : il velo sulle spiagge di Alassio

Dopo i divieti delle autorità francesi sulla Costa Azzurra contro il burkini le donne musulmane vengono da noi in Italia per trascorrere una giornata al mare. In molte hanno scelto Alassio «dopo aver letto della visita della principessa araba». Queste donne, dice Laura Sabbadini, possono diventare le protagoniste dell’integrazione.

“In Francia troppi divieti”. E sulle spiagge di Alassio è boom di turiste col velo STEFANO FRANCHI, LUCA REBAGLIATI

Le bagnanti: «Siamo qui dopo aver letto della visita della principessa araba» 

ALASSIO – Un tuffo con il velo, magari anche un burkini, un selfie sulla spiaggia di Alassio, e la riviera diventa la nuova Costa Azzurra, almeno per quanto riguarda le bagnanti musulmane, ovviamente accompagnate da mariti e figli. Una diretta conseguenza del divieto all’uso del costume da bagno islamico imposto da diversi sindaci francesi. «Per noi è diventato impossibile o quasi andare al mare seguendo le nostre usanze – hanno raccontato i bagnanti “trasfertisti” ai gestori degli stabilimenti balneari – per cui abbiamo preferito venire in Italia per trascorrere una giornata in spiaggia. E poi avevamo letto che Alassio aveva appena ospitato una principessa araba per cui abbiamo voluto conoscerla». Si tratta di Nouf Nint Abdullah al Saud, della famiglia saudita (suo marito è Mishaal bin Abdullah, figlio del defunto re Abdullah, governatore delle regione della Mecca e oggi governatore della provincia di Najran) che per tre settimane è stata in vacanza al Grand Hotel di Alassio.

«WEEKEND PARTICOLARE»

Domenica sulle spiagge alassine si sono contate un centinaio di donne velate, che è un po’ come dire che su ciascuna spiaggia della città del muretto ce n’era una.

Un’impennata notevole rispetto alle abitudini di queste latitudini: qui il velo islamico non è certo una novità, ma finora si sono sempre visti solo sparuti gruppetti, peraltro saltuariamente. Ma i divieti nella vicina Francia hanno spinto molti bagnanti fedeli all’Islam verso la nostra riviera, e con Sanremo un po’ troppo mondana, ecco che Alassio diventa la meta preferita non solo da turisti low cost, ma anche di famiglie borghesi e benestanti.

«È stato un weekend davvero particolare, con diverse famiglie islamiche sulla spiaggia – conferma Mike Oblak, bagnino della Sla 6 -. Saranno state un centinaio su tutto il litorale, ma spiccavano in mezzo ai tanti turisti in costume».

Ma perché la presenza dei veli islamici si è impennata improvvisamente? I bagnini non sembrano avere dubbi. «Con i divieti imposti in Francia, i musulmani che vogliono andare in spiaggia coperti devono, per forza, migrare nei Paesi vicini – spiega Gianni Botto dei bagni Molo -. Se Alassio ha ospitato per settimane una principessa araba, pensano che questo sia un posto ospitale anche per loro. Me lo hanno confidato alcune coppie di islamici giunti qui per trascorrere una giornata in spiaggia. Avendo lo stabilimento balneare al completo, li ho dirottati nella vicina spiaggia libera».

IL SINDACO: NO POLEMICHE  

Divieti in arrivo anche da queste parti? Pare proprio di no. «Sono assolutamente contrario al burqa, ma non farò alcuna ordinanza per vietare il burkini – afferma il sindaco di Alassio Enzo Canepa -. Credo che in questo momento si debbano smorzare le tensioni, e un divieto del genere, inevitabilmente, le alimenterebbe».

Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati.

vivicentro.it/cronaca
vivicentro.it/Il velo sulle spiagge di Alassio
lastampa/“In Francia troppi divieti”. E sulle spiagge di Alassio è boom di turiste col velo STEFANO FRANCHI, LUCA REBAGLIATI

Print Friendly, PDF & Email

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania