Quantcast
Banner Gori
legittima difesa
Politica

Legittima difesa, alla Camera è scontro sulla legge

La proposta di Costa sulla legittima difesa: se ci sono bambini, la reazione è giustificata. No di Ncd al pdl del Pd. Al via la discussione. Lega sulle barricate.

ROMA – Legittima difesa,  giornata di duro scontro. In Parlamento, nella maggioranza, e pure in piazza. Alla Camera torna in discussione la legge. Il governo si divide. E davanti a Montecitorio, dalle 10 e 30, gli esponenti dell’Idv, che con i suoi tre parlamentari appoggia il governo Renzi, faranno propaganda alla loro legge di iniziativa popolare sulla legittima difesa che finora ha raccolto oltre 200mila firme. Un segnale di quanto il problema sia avvertito nel Paese. Una manifestazione cui però prenderà parte anche il ministro della Famiglia Enrico Costa, già vice della Giustizia, il cui partito, il Nuovo centrodestra, è intenzionato a chiedere al Pd che ci si fermi sulla riforma perché il testo non li convince. Lo stesso Costa ha chiesto, dopo l’ennesimo caso di cronaca sulla legittima difesa, che la presenza di bambini sul luogo di una rapina, e quindi la necessità di difenderli, sia di per sé considerata una ragione sufficiente per giustificare la legittima difesa stessa.

LA PROPOSTA DELLA LEGA

Finisce così ai ferri corti tra i partiti del governo la querelle sulla norma – l’articolo 52 del codice penale – che dovrebbe consentire alla vittima di una rapina nella propria casa o nel proprio negozio di difendersi dall’aggressione o dalla concreta minaccia di morte senza temere poi di finire a sua volta indagata e imputata. Dall’opposizione la Lega, autrice della prima proposta di riforma con il capogruppo in commissione Giustizia Nicola Molteni, si batte per una norma più permissiva ed effettivamente difensiva nei confronti di chi spara per difendere se stesso e la sua famiglia. Si badi, non la sua proprietà. Deve esistere, secondo la Lega, “una presunzione assoluta di legittima difesa”, per cui non esiste né aggressione né reato se la vittima difende la sua incolumità e il bene della vita. Solo in questo modo, per il partito di Salvini, si supera l’eccesso colposo di legittima difesa, oggi causa di molte polemiche e di processi.

LO SCONTRO NELLA MAGGIORANZA

Ma il Pd ha già superato l’ipotesi Lega, con un testo proposto da Ermini e approvato in commissione Giustizia, quello che oggi dovrebbe andare al voto dell’aula. Un testo che non modifica l’articolo 52 del codice penale, ma il 59. E proprio qui sta lo scontro tra i partiti di governo, il Nuovo centrodestra del ministro dell’Interno Angelino Alfano e il Pd. Quella dei Dem, dice Ncd, sarebbe una soluzione “blanda, inadatta, che non risolve affatto il problema della legittima difesa”. Tant’è che proprio oggi i centristi chiederanno a Montecitorio di non portare il testo in aula, ma di tornare in commissione Giustizia per un nuovo esame e modifiche sostanziali.

DOVE STA IL CONFINE DELLA DIFESA

Basta leggere e incrociare il testo attuale dell’articolo 52, la proposta della Lega, e quella di David Ermini, di professione avvocato, per capire il centro della querelle. Dice l’attuale articolo 52: “Non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di difendere un diritto proprio o altrui contro il pericolo attuale di un’offesa ingiusta, sempre che la difesa sia proporzionata all’offesa”. Un testo del genere, ovviamente, mette nelle mani del giudice la valutazione della difesa compiuta, sarà lui a stabilire se quella difesa era commisurata al pericolo, oppure se chi si è difeso ha esagerato, oppure addirittura ha aggredito l’aggressore quando costui aveva già regredito dall’azione criminale. Il tipico gesto della vittima che spara al ladro quando già sta scappando e lo colpisce alle spalle.

LA PROPOSTA DEL PD

Questa valutazione, secondo la Lega, non deve più essere affidata al giudice, ma la legge deve già contenere delle indicazioni molto precise. Anche Ncd chiede garanzie simili, compresa quella sui minori presenti, che ovviamente fanno aumentare la necessità di una legittima difesa. Ma il Pd con Ermini è attestato su una frontiera differente, tant’è che la sua modifica non riguarda l’articolo 52, ma il 59 del codice penale che riguarda le “circostanze non conosciute o erroneamente supposte”. Ermini scrive che, quando di mezzo c’è un caso di legittima difesa, “la colpa dell’agente è sempre esclusa se l’errore riferito alla situazione di pericolo e ai limiti imposti è conseguenza di un grave turbamento psichico ed è causato, volontariamente o colposamente, dalla persona contro cui è diretto il fatto”.

IL NO DI NCD

Ma è proprio sul presunto “errore” che il partito di Alfano oggi punta i piedi e chiede di mandare all’aria il testo Ermini. Il ragionamento centrista è questo: “Non possiamo limitarci, su una questione particolarmente sentita da tante vittime, a fare una legge solo sui casi di errore. Noi dobbiamo disciplinare nella sua pienezza la legittima difesa e mettere al sicuro le vittime dicendo fin dove possono difendersi. Altrimenti avremo lavorato inutilmente”

vivicentro.it-politica / larepubblica / Legittima difesa, alla Camera è scontro sulla legge LIANA MILELLA

Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più