Quantcast

Attualità

La Tunisia risponde al Viminale: “No a rimpatri al di fuori degli accordi presi”

La Tunisia risponde al Viminale: “No a rimpatri al di fuori degli accordi presi”

I 184 tunisini arrivati venerdì mattina a Lampedusa a bordo di 7 piccole imbarcazioni, sono in attesa di sapere notizie sul proprio futuro. Quel che sembra certo è che non potranno essere rimpatriati a strettissimo tempo come voleva il Ministro dell’Interno. La Tunisia ha detto no a procedure velocizzate e a rientri diversi da quelli previsti dagli accordi in atto che limitano ad 80 il numero di persone da rispedire indietro con due voli charter due volte a settimana.
I 184 sono stati già trasferiti a Trapani per le ordinarie procedure di identificazione e si metteranno in fila con tutti quelli che ancora restano da rimpatriare, più di 1.800 dei 3.500 arrivati quest’anno e giudicati irregolari dalle commissioni.
Dopo l’arrivo a Lampedusa dei 184 migranti, Salvini aveva avuto un colloquio informale a Vienna con il suo omologo tunisino e aveva annunciato procedure “innovative ed efficaci” per rimandare subito in patria i tunisini sbarcati. Pensava ad una identificazione immediata a Lampedusa, con altrettante immediata accettazione della riammissione in patria dalle autorità tunisine e un volo charter straordinario entro domenica. Ma così non sarà.
Le autorità tunisine hanno immediatamente chiarito che non vi sarà alcun rimpatrio straordinario. Martedì a Roma, in un incontro già fissato, Salvini e il suo omologo tunisino si rivedranno e si capirà se esistono le condizioni per aumentare e velocizzare le operazioni di rimpatrio di chi arriva dalla Tunisia, che nel 2018 è stata la prima nazione di provenienza dei migranti con circa 4200 persone. Di questi, 3500 sono stati destinatari di un provvedimento di espulsione ma solo 1700 sono tornati effettivamente a casa.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania