Quantcast

Attualità Politica

Ieri l’incontro Berlusconi-Salvini. Prossimamente anche con la Meloni

Nella serata di ieri ad Arcore si sono ufficialmente incontrati Berlusconi e Salvini, presenti anche il sottosegretario Giorgetti e il vicepresidente di Fi Antonio Tajani.

E alla fine, che a tanti sembrava impossibile che non ci sarebbe stato, si è concretizzato il riavvicinamento ufficiale tra Salvini e Berlusconi, avvenuto nella serata di ieri e ovviamente nella residenza di Arcore, presenti anche il sottosegretario Giorgetti e il vicepresidente di Fi Antonio Tajani (quest’ultimo anche Presidente del Parlamento europeo).

Non si vedevano da quando a giugno di quest’anno, Salvini si era alleato con i 5stelle per formare l’attuale Governo e Maggioranza politica in Parlamento.

Fonti di Forza Italia hanno fatto sapere che durante l’incontro è stata fatta una disamina della situazione politica italiana, internazionale ed economica e che si è parlato anche della condizione necessaria dell’esistenza del centrodestra. È stato pure dato il benestare da Berlusconi sul nome del nuovo presidente della Rai (argomento che di tutta evidenza gli interessa essendo il pilastro della concorrente privata Mediaset).

E pare che a breve l’intero centrodestra, quindi anche la Meloni, si ritroverà per risolvere tutti i punti all’ordine del giorno e trovare le posizioni comuni per i problemi che interessano il Paese.

Secondo anche fonti della Lega, quella di ieri sera è stato una visita privata, occasione anche per aggiornare personalmente Berlusconi su quello che è stato fatto nei primi 100 giorni di governo e su quello che sarà presto realizzato (neanche fosse stato il Presidente della Repubblica o forse il prossimo).

Salvini era stato nel pomeriggio di ieri ospite della D’Urso a Domenica Live dove aveva dichiarato che sarebbe stato ad Arcore per vedere Berlusconi “perché ha la televisione più grossa della mia” (per la Lega evidentemente è come un complesso infantile che altri possano avere qualcosa di più grosso) e ha confermato che i rapporti personali sono buoni. “Ho enorme stima perché è stato un grande nella politica, nel calcio, nell’editoria, nella televisione, ha rotto il monopolio Rai”.

Insomma il decennale centrodestra si ricompatta. Ci sono in gioco anche le prossime elezioni europee e quindi i connessi sostanziosi finanziamenti, remunerazioni, incarichi, ecc.

Intervistato Di Maio sull’incontro in questione, ha risposto che sono fatti loro.

In un recente articolo su Vivicentro, in cui si è scritto di De Luca sindaco di Messina anch’egli dell’area di centrodestra, si sottolineava che nel frattempo il centrodestra siciliano sembra tendere a ricompattarsi attorno alla lega di Salvini. La Sicilia ha di solito anticipato gli avvicinamenti e avvicendamenti politici delle annose nomenclature. Inoltre si era aggiunto che poi a maggio 2019 avremo le elezioni europee, le quali in Sicilia saranno anche il banco di prova per l’attuale Governo Musumeci di centrodestra”. Intanto ora c’è stato l’incontro di Salvini con Berlusconi e a breve si terrà con tutta la nomenclatura di centrodestra. Chissà che non ci saranno in quell’occasione anche De Luca di Messina e De Luca di Salerno il quale ultimo da qualche tempo pare dire bene di Salvini e contro il PD di cui fa (o faceva) parte.

L’Immagine è tratta da un articolo di Vivicentro.

Adduso Sebastiano

Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania