Tony Troja
Attualità Isole - cronaca

Figli e figliastri: Eletti e non Eletti. Il caso di Tony Troja (VIDEO)

Tony Troja è un cantante rocker autore di canzoni satiriche nonché candidato senza successo – dal momento che, nel maggio del 2017, si trovò costretto ad annunciare il ritiro della sua candidatura a causa della difficoltà a trovare un pubblico ufficiale che autenticasse le firme raccolte a sosteno della presentazione della lista – a sindaco della città con la lista SìAmo Palermo.

All’epoca Troja dichiarò di essersi trovato “di fronte ad un muro di gomma impenetrabile” e aveva presentato un esposto in Procura. Qualche giorno fa Troja aveva dedicato il suo “pensiero domenicale” proprio a tutti coloro che durante la campagna elettorale delle amministrative lo avevano “deriso dall’alto della vostra ignoranza politica e dal basso della vostra miseria umana”.
tony-troja-arresti-domiciliari
A loro – scrive il cantante – “va tutto il mio sincero disprezzo e tutta la mia soddisfazione nel vedervi amministrati da un autodefinitosi stronzo che millanta di saper fare il sindaco ma che, a conti fatti, si sta dimostrando un inetto al pari di un grillino qualunque”. Da sempre “cane sciolto” della politica Troja nelle sue canzoni ha criticato sia Renzi che Berlusconi che la “democrazia diretta” di Beppe Grillo.

Accetta i  cookies di YouTube per vedere questo video.

Accettandoli YouTube potrà conoscere i contenuti da te visualizzati grazie al servizio di terze parti che stiamo fornendo

YouTube privacy policy

Se accetti la tua scelta verrà salvata e la pagina sarà ricaricata

Ora la moglie di Tony Troja, Maria Rosaria Zoppi, attraverso Facebook lancia una notizia che ha dell’incredibile eppure è vera. Un collaboratore della nostra redazione, loro amico, essendo a conoscenza di questa assurda vicenda ci ha chiesto di pubblicare, unitamente alla storia, la lettera aperta della moglie di Tony Troja indirizzata proprio al magistrato di sorveglianza, il dottor Pietro Cavarretta e pubblicata su Affari italiani che, a sua volta, ha scritto un articolo a loro sostegno.

Questa la lettera della signora Maria Rosaria Zoppi, moglie di Tony Troja:

“Egregio Dottor Pietro Cavarretta, avrei voluto scrivere una lettera al Presidente Mattarella, ma mi è sembrato giusto e doveroso, prima di tutto, inviare queste poche righe alla Sua attenzione. Sono la moglie dell’artista Tony Troja, quest’ultimo agli arresti domiciliari, dal 19 aprile, per una banale diffamazione a mezzo stampa. Scrivo “banale” perché oggi è troppo facile essere querelati per una parola detta o scritta su un social network. A mio marito è stato detto di tutto: mafioso, essere immondo, criminale, disonesto. Ma ogni volta che ha sporto querela, è stato tutto archiviato. Però dare del buffone (semanticamente) ad un generale della Guardia di Finanza, come ha fatto mio marito, pare sia decisamente più grave. Ma io ritengo che la cosa più grave sia vedere mio marito trattato come un criminale. 

Io non lo so se Lei sia lo stesso magistrato di sorveglianza che nel 2004 ha deciso di concedere la semilibertà ad Angelo Izzo (già uno dei responsabili del “Massacro del Circeo” del 1975) e che, proprio grazie alla semilibertà del 2004, ha ucciso due donne un anno dopo, nel cosiddetto “Massacro di Ferrazzano”. Non so se sia Lei o sia un caso di omonimia. Ma so benissimo che mio marito non è Angelo Izzo e si trova agli arresti domiciliari per gravi e palesi errori di burocrazia e di giustizia. Errori che siamo pronti a dimostrare in qualunque sede ma che potremo, comunque, dimostrare solo al termine di questa assurda condanna a cinque mesi di detenzione domiciliare. 

Le scrivo questa lettera per farle sapere che trovo inammissibile che una persona di specchiata onestà morale e famosa in tutti gli ambienti a lui vicini per la propria rettitudine, si trovi ad essere trattato come un criminale qualunque. Stendo un velo pietoso sui controlli che sono stati fatti anche di notte (in presenza di un minore e con i risvolti psicologici di conseguenza) e anche tre volte in un solo giorno, come se fossimo in presenza di un serial killer o di un pedofilo (e non mi venga a raccontare che tutto ciò sia normale). Lei potrebbe pensare che mio marito, per essere finito ai domiciliari, si sia meritato questa detenzione. Esattamente come la pensano tutti quei detrattori che criticano duramente mio marito solo perché sa fare il proprio mestiere.  Ma non è così, altrimenti non le scriverei questa lettera.

Caro Magistrato, ma lei pensa davvero che un uomo come mio marito, che non ne lascia passare una a nessuno, improvvisamente si disinteressi di un procedimento a proprio carico che lo avrebbe portato finalmente in tribunale per spiegare il motivo per il quale ha apostrofato come buffone il generale della Guardia di Finanza Domenico Achille, e si disinteressi di contattare l’UEPE per essere affidato in prova ai servizi sociali preferendo paradossalmente una detenzione domiciliare? O ancora peggio, che oltre a disinteressarsi delle cose di cui sopra, decida di non farsi trovare in casa durante i controlli e quindi essere tradotto in carcere? E Lei pensa che io sia stata così idiota da lasciare che mio marito si disinteressasse di tutto questo? 

Sicuramente lei non conosce mio marito e, giustamente, secondo i suoi parametri e secondo quel motto scritto in tutte le aule dei tribunali, Lei pensa che la Legge sia uguale per tutti. Ebbene, caro Magistrato, le dico che la Legge non è uguale per tutti. Perché, pur potendo usufruire di permessi premio come tutti i detenuti, Lei ha negato a mio marito il diritto di mantenere i rapporti familiari (come prevede la Legge) non facendolo partecipare alla comunione di nostra nipote (nonché mia figlioccia), perché secondo Lei non si trattava di una “ragione di necessità”. E per lo stesso motivo, Lei ha negato a mio marito di concedere un’intervista radiotelevisiva nella quale avrebbe spiegato le ragioni di questa assurda detenzione. Perfino a Raffaele Cutolo fu concessa l’intervista con Enzo Biagi. Ritiene forse che mio marito sia più pericoloso di Raffaele Cutolo? 

Caro Magistrato, Le scrivo questa lettera perché vorrei che sapesse quanto io, moglie di un uomo detenuto ingiustamente (con prove alla mano), stia vedendo i danni psicologici, fisici e di immagine che sta subendo mio marito anche per le Sue scelte nel negare diritti che un qualunque criminale avrebbe e ha avuto. È stata protocollata un’istanza per visite mediche più di venti giorni fa e ancora Lei non ha deciso se autorizzarle. Per quale motivo? Lei lo sa che mio marito, in questo momento, sta prendendo degli antidepressivi e ha cominciato a soffrire di attacchi di panico (mai avuti prima d’ora)? Cosa dovrei fare, chiamare il 118 e far portare mio marito in ambulanza al pronto soccorso e farlo stare lì almeno otto ore inutilmente in codice bianco per poi rispedirlo a casa, sottraendo risorse ospedaliere a chi, sicuramente, ne ha più di bisogno? Mio marito ha bisogno del suo medico, della persona che, dopo i suoi genitori e me, lo conosce meglio di tutti. 

Perché tutto questo accanimento nei confronti di mio marito? Lo ritenete davvero così pericoloso? Ma poi, pericoloso per cosa, avete paura che vi prenda a parolacce a tutti quanti? Siamo seri. E allora per essere seri, Le dico che La ringrazio (anche se non ne avrei minimamente il motivo, perché non si tratta di un favore) per aver concesso a mio marito di svolgere la sua attività di artista. Ma a breve riceverà un’istanza con la richiesta per poter usufruire di un barbiere e della possibilità di poter comperare un paio di pantaloni, visto che mio marito non taglia i capelli e la barba dal 19 aprile e non può di certo andare a lavorare in maniera impresentabile e con i pantaloni logori. 

Nella stessa istanza troverà la richiesta affinché mio marito possa andare a trovare il padre malato di tumore. Mi raccomando: neghi anche questo diritto perché ritiene che non si tratti di una “ragione di necessità”. Lei decide le sorti di persone che nemmeno conosce ma è pronto a negare loro diritti fondamentali. Scusi lo sfogo. Sicuramente mi sbaglio su di Lei, e proprio per questo La invito a casa nostra per conoscere me e soprattutto mio marito e la sua storia. Ma se la Legge è uguale per tutti, e di conseguenza questa è la giustizia italiana e questa è l’Italia, mi vergogno di essere italiana e ho paura di vivere in uno Stato in cui la gente paga per errori altrui“. 

Maria Rosaria Zopp

A quanto pare, pertanto, Troja è stato processato in contumacia e condannato a cinque mesi di reclusione (pena convertita in arresti domiciliari) “per aver dato del buffone ad un generale della Guardia di Finanza, secondo Tony reo di aver preso sottogamba e con leggerezza una richiesta di aiuto”. La moglie fa riferimento ad alcune anomalie che sarebbero presenti nel processo in contumacia e nell’entità della pena da scontare che però saranno riviste “una volta conclusa la condanna”:

tony-troja-arresti-domiciliari-1

Che Troja sia uno che “non le manda a dire”, ebbe a scrivere Giovanni Drago su next, si evince anche dal tono dei suoi post su Facebook dove criticava apertamente e stigmatizzava i comportamenti dei colleghi musicisti e gestori di locali palermitani. Senza disdegnare qualche punzecchiatura ai politici e ai potenti di turno.

Secondo la moglie – che probabilmente esprime anche il pensiero di Troja – il cantante “ha solo la colpa di vivere in uno Stato in cui le cose non funzionano”.

La condanna, oltre alla rabbia, ha suscitato un forte senso di rassegnazione perché – scrive sempre Maria Rosaria Zoppi – “sappiamo che la malagiustizia e la malaburocrazia sono all’ordine del giorno e che qualcosa di simile poteva capitare”.

tony-troja-arresti-domiciliari-5

 

In un post successivo, sempre pubblicato sull’account della moglie, i coniugi Troja ringraziano per la solidarietà e fanno sapere che prima di dare altre comunicazioni dovranno attendere l’incontro con l’avvocato.

tony-troja-arresti-domiciliari-2

Tra il 2011 e il 2012 Tony Troja è stato autore per il fattoquotidiano.it con un blog dallo spirito “satirico sarcastico, ironico, pungente. Normalmente acido” assieme al concittadino Massimo Merighi jazzista e blogger. Su Internet Troja però è noto per le sue canzoni satiriche, alcune registrate in collaborazione con Merighi altre da solista come la famosa “Vaffansilvio“. Tra gli ultimi brani pubblicati da Troja sul suo canale YouTube quello dal titolo “4 marzo 2018: il voto a perdere“.

L’ultimo post di Troja su Facebook risale al 19 aprile 2018 e si limita ad annunciare un suo possibile abbandono di Facebook e il trasferimento verso il social network russo Vkontakte.

Print Friendly, PDF & Email
Tags

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania