Quantcast

Banner Gori
Economia

Tltro il nuovo “bazooka” del Presidente della BCE per immettere liquidità nel mercato

Tltro, sono aste in occasione delle quali la Banca Centrale Europea presta denaro al settore creditizio a condizioni particolarmente vantaggiose.

Lanceremo nuove operazioni di Tltro, come incentivi per le condizioni del credito“. È quanto ha detto il Presidente della Banca Centrale Europea Mario Draghi.

Una nuova serie di operazioni trimestrali annunciate dal Presidente della BCE (Banca Centrale Europea) mirate di rifinanziamento a più lungo termine che saranno lanciate a partire da settembre 2019 e terminerà nel marzo 2021. Ciascuna avrà una scadenza di due anni. Queste nuove operazioni contribuiranno a preservare le favorevoli condizioni di prestito bancario e la regolare trasmissione della politica monetaria. Lo annuncia la Bce.

“Targeted longer-term refinancing operations” operazioni di rifinanziamento a medio-lungo termine meglio note appunto come Tltro. In sostanza la BCE presta denaro al settore creditizio a tassi irrisori della durata di 4 anni per attenuare i problemi di raccolta delle banche europee e di riflesso sostenere i prestiti a famiglie e imprese.

La Bce intanto ha confermato che i tassi d’interesse rimarranno fermi almeno fino all’estate 2019, e in ogni caso “finché sarà necessario” per stabilizzare l’inflazione su livelli prossimi al 2%.

Per precisazione, il “bazooka” di Draghi citato sopra nel titolo, indicava dal 2015 e fino all’anno passato il “Quantitative Easing” (Qe), tradotto “allentamento quantitativo”, con cui si definiva il modo con il quale la  Banca Centrale Europa (la Bce) è intervenuta sul sistema economico e finanziario per aumentare la moneta in circolazione, immettendo liquidità. Con il Qe la BCE ha acquistato titoli di Stato o altre obbligazioni sul mercato, stimolando così la crescita economica dell’area Euro. Il programma della Bce, approvato nel 2015, rivisto più volte e cessato a fine 2018, aveva tra gli obiettivi quello di scongiurare il rischio di deflazione e mantenere il tasso di inflazione attorno al 2%.

L’opinione.

Soldi pubblici iniettati nel sistema bancario per aiutare l’economia reale. Speriamo non finisca come a volte, con le banche italiane che risaputamente tendono ad agevolare solo funzionari al proprio interno, amici, certi benvoluti imprenditori, politici, partiti, istituzionali, burocrati, boiardi, nonché finanziare Regioni ed Enti locali ingordi e spreconi tanto pagano i buoi contribuenti, ecc. mentre di contro  alzano i tassi alle famiglie e imprese comuni specialmente quelle piccole, tanto, almeno fino adesso, in Italia non ha mai controllato nessuno (l’onestà intellettuale e la deontologia professionale sono notoriamente un non richiesto accessorio per lavorare o assumere incarichi nel sistema pubblico-politico-giuridico-burocratico e controllante italiano). Sicché di conseguenza da anni parecchi onesti cittadini produttivi, lavoratori, privati e operosi, sono finiti in balia di richieste di mazzette per avere un prestito oppure nelle grinfie dell’usura e spesso con il suicidarsi per la disperazione non potendo più andare avanti.

Adduso Sebastiano

Print Friendly, PDF & Email
Tags

In merito all'autore

Sebastiano Adduso

Sebastiano Adduso

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

I nostri ultimi video

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania