Quantcast

Banner Gori
Porto de La Valletta (Malta), foto da archivio
Porto de La Valletta (Malta), foto da archivio
Cronaca

La Elhibru 1, con 108 migranti a bordo, è stata portata a La Vallette (Malta)

Forze Armate maltesi hanno preso il controllo della petroliera turca Elhibru 1, dirottata verso l’Europa dai migranti soccorsi nel Mediterraneo, ed ora si trova nel porto di La Valletta.

Un gruppo di unità operative speciali delle forze armate maltesi hanno preso il controllo della Elhibru 1, dirottata ieri da un gruppo di migranti che aveva soccorso e l’hanno condotta in porto e, messa in sicurezza la petroliera, hanno riconsegnato il controllo al capitano della stessa.

L’operazione è scattata quando il comandante della petroliera turca Elhibru 1 ha confermato che lui è l’equipaggio erano costretti ad eseguire gli ordini dei 108 migranti (77 uomini e 31 donne).

I migranti erano stati portati a bordo con un’operazione di salvataggio eseguita su richiesta della guardia costiera Libica (che nello stesso momento aveva soccorso e stava riportando a terra altri 117 migranti da loro presi a bordo in un altra operazione) a beneficio di un’imbarcazione con un centinaio di persone a bordo.

Dopo il soccorso la petroliera turca Elhibru 1 avrebbe dovuto riaccompagnare i 108 migranti salvati nuovamente in Libia; da qui la ribellione degli stessi che, appresa la nuova meta, ovviamente non gradivano tornare nei lager libici.

Come riportato dall’agenzia ANSA, le operazioni di sbarco sono iniziate alle ore 9:30.

Il primo ad essere sbarcato è stato un bimbo di pochissimi mesi in braccio ad una donna. Secondo le informazioni ottenute a bordo ci sarebbero 19 donne e 12 bambini. I migranti che stanno sbarcando vengono accompagnati a bordo dei furgoni della polizia che li porteranno all’ Initial Reception center a Marsa, la cittadina portuale di Malta.

Almeno tre uomini sono stati fatti sbarcare dal mercantile turco con i polsi legati da fascette di plastica e sono stati caricati nella parte posteriore e senza finestrini di un furgone grigio della polizia maltese. La maggior parte delle persone sbarcate dalla nave dirottata scende invece liberamente e sale a bordo di piccoli bus delle forze dell’ordine. Le operazioni procedono a rilento e con molta calma sotto l’occhio delle forze speciali maltesi a bordo della nave dove è arrivato anche il ministro degli Interni maltese Michael Farrugia.

Poco fa il tweet del premier Maltese Joseph Muscat:

“non ci sottraiamo alle responsabilità, nonostante le nostre dimensioni, e rispetteremo tutte le norme internazionali”

Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

I nostri ultimi video

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania