Quantcast
Banner Gori
Cronaca

Cresce la pirateria: il 39% degli italiani guarda film illegalmente (Debora VELLA)

Nel 2016 la pirateria di film e serie ha causato all’industria audiovisiva italiana un danno di 686 milioni di euro: è quanto emerge da una recente ricerca di Fapav (Federazione antipirateria audivisiva) e Ipsos, condotto nel dicembre 2016 con interviste a oltre 1400 individui di almeno 15 anni di età, e a oltre 200 individui tra i 10 e i 14 anni.

Lo scorso anno il 39% della popolazione adulta (soprattutto uomini) ha guardato illegalmente film, serie tv e  programmi di intrattenimento; mentre tra i ragazzi di età compresa i 10 e i 14 anni il 50% ha commesso atti di pirateria. E il fenomeno è in continua crescita.

L’IDENTIKIT DEL NUOVO PIRATA

Il nuovo “pirata” è in genere un uomo, diplomato e lavoratore autonomo. I film continuano a essere il contenuto più cliccato (370 milioni di atti fuorilegge) dal maggior numero di cittadini (33%), ma il fenomeno arretra del 4% rispetto al 2010 quando i pirati erano il 37%. Sono invece aumentati coloro che vedono illegalmente serie e programmi tv: sette anni fa erano il 13 e 11% della popolazione, oggi sono il 22 e il 19%.

Un cambio di tendenza che rispecchia l’evoluzione del mercato audiovisivo, interessato a investire in nuovi e accattivanti format di intrattenimento.

LA CONSAPEVOLEZZA DI ESSERE UN PIRATA

Rispetto a sette anni fa, secondo l’indagine, è aumentata la consapevolezza che vedere illegalmente film, programmi e serie tv sia un reato, soprattutto tra gli adulti. Infatti l’82% degli intervistati ritiene che si tratti di un reato, ma il 57% pensa che sia improbabile essere scoperto e ancora meno sanzionato. Tuttavia è in crescita anche l’inclinazione a rispettare le regole adottando alternative legali «a pagamento».

In Italia esiste un impianto normativo che purtroppo non viene sufficientemente applicato con forza da tutti quanti: autorità, forze dell’ordine, magistratura e operatori. Infatti solo 1 pirata su 4 (e 1 su 5 tra i più giovani) ritiene che la pirateria sia un fatto grave. Tra le forme di deterrenza, secondo gli stessi pirati, l’oscuramento dei siti fuorilegge viene giudicato efficace dal 77% degli intervistati e 3 su 4 esprimono lo stesso giudizio qualora venisse attivato un sistema sanzionatorio capillare e credibile, con multe e denunce.

NUOVI TIPI DI PIRATERIA

La ricerca individua tre tipi di pirateria:

  • quella «digitale» aumentata – rispetto al 2010 – del 78%;
  • quella «fisica» (acquistare dvd-blu ray contraffatti) che sta crollando rispetto al 2010 (-81%) in seguito all’evoluzione tecnologica;
  • infine la pirateria «indiretta» (la ricezione di dvd-blu ray contraffatti o la visione di copie non originali altrui) che è nettamente diminuita (-50%).

Debora VELLA

copyright-vivicentro

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Avatar

Redazione

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più