Quantcast
Banner Gori
Chi vincerà la Florida?
(Foto free Commons CC)
Attualità Politica

Chi vincerà la Florida? Cosa dicono i sondaggi del The New York Times

Chi vincerà la Florida? Cosa dicono i sondaggi americani in America secondo The New York Times: Trump mantiene il sostegno di rurali e bianchi

Chi vincerà la Florida? Cosa dicono i sondaggi del The New York Times

Joe Biden ha tagliato il confine del presidente Trump tra i suburbani e gli elettori più anziani, ma il suo sostegno da parte degli elettori latini sembra più debole di quello di Hillary Clinton.

Quanto si dice in Italia sulle prossime elezioni USA è ormai cosa nota a tutti per cui abbiamo pensato di dare un’occhiata direttamente in casa degli americani e l’abbiamo fatto consultando The New York Times del quale vi riportiamo gli ultimi sondaggi e le approfondite analisi così come sono state fatte da Doug Mills, autore dell’articolo: Who Will Win Florida?

Il presidente ha mantenuto il suo forte sostegno tra gli elettori rurali e gli uomini bianchi. (Doug Mills / The New York Times)

Buona lettura

SONDAGGIO WATCH

La corsa presidenziale in Florida sembra simile al 2016 almeno sotto un aspetto: probabilmente sarà vicina, forse decisa di nuovo da un solo punto percentuale . Ma sotto la superficie, ci saranno grandi differenze in termini di chi voterà per chi.

Il presidente Trump può contare sul continuo sostegno degli elettori rurali e degli uomini bianchi, mentre Joseph R. Biden Jr. è quasi garantito per avere un forte sostegno da parte delle donne e degli elettori afroamericani in tutto lo stato.

Eppure è improbabile che Biden mantenga la forte prestazione di Hillary Clinton con gli elettori latini. Invece, sta cercando di rimediare tra alcuni dei blocchi elettorali bianchi su cui il signor Trump ha fatto affidamento nel 2016, in particolare i suburbani e gli elettori più anziani.

Una serie di sondaggi di alta qualità in Florida sono arrivati ​​questa settimana – probabilmente alcuni degli ultimi che vedremo prima delle elezioni – e tutti hanno mostrato al signor Biden un vantaggio da tre a sei punti percentuali tra i probabili elettori dello stato. Presi insieme, i sondaggi della Monmouth University , della Quinnipiac University e del NPR / PBS NewsHour / Marist College hanno messo il signor Biden in una posizione forte per mettere insieme una coalizione vincente in Florida, che ha predetto con successo il vincitore nelle ultime sei elezioni presidenziali.

In ogni sondaggio, la differenza era entro il margine di errore e il mancato sondaggio del 2016 – quando i sondaggi della Florida hanno sovrastimato di alcuni punti il ​​sostegno della signora Clinton – dovrebbe farci riflettere.

Ma la vittoria del signor Trump in Florida quell’anno si è basata in gran parte sugli elettori che decidono in ritardo, e sia nel sondaggio di Monmouth che in quello marista, non più del 2% degli elettori ha affermato di non sapere ancora come voterebbero. Anche l’affluenza è sulla buona strada per essere considerevolmente più alta quest’anno, il che lascia meno spazio a una scarsa partecipazione di alcuni gruppi, come hanno fatto gli elettori democratici nel 2016, respingendo ulteriormente i sondaggi.

La coerenza dei risultati dei sondaggi di questa settimana suggerisce che il signor Trump ha terreno per recuperare. I sondaggi di Monmouth e Quinnipiac hanno anche mostrato che combatterà contro il tempo: in entrambi i sondaggi, solo il 17% dei probabili elettori ha dichiarato che voterà il giorno delle elezioni, mentre il resto prevede di votare in anticipo di persona o per posta.

I primi ritorni

L’affluenza alle urne è aumentata in tutto lo stato, con oltre sette milioni di schede già espresse a partire da giovedì sera. Si tratta di quasi l’80% dei voti totali espressi nel 2016. Dopo un altro fine settimana di votazioni anticipate e qualche giorno in più di votazioni per corrispondenza, il conteggio dei voti potrebbe superare di gran lunga il voto totale del 2016 prima ancora che arrivi il giorno delle elezioni.

Sono risultati leggermente più democratici dei repubblicani, anche se solo per 200.000 voti. Questo vantaggio è rafforzato dal vantaggio del signor Biden tra gli indipendenti, che finora hanno votato circa uno su cinque.

Se le tabelle incrociate dell’ultimo sondaggio della Monmouth University in Florida dovessero prevedere perfettamente come votano i democratici, i repubblicani e gli indipendenti, il signor Biden vincerebbe il 52% dei voti anticipati e il signor Trump il 43%, secondo i dati degli elettori disponibili sulle schede elettorali. già espressi da Democratici, Repubblicani ed elettori non affiliati. Quelli quasi certamente non sono i numeri reali esatti, ma sono da qualche parte in quell’intervallo.

I repubblicani possono contare su un aumento dei voti dell’ultimo minuto per il giorno delle elezioni, quando sono quasi certi di superare i democratici che si recheranno alle urne. Ma dato quanti voti saranno stati espressi a quel punto, e poiché meno di un elettore su cinque dice ai sondaggisti che intende votare quel giorno, potrebbe essere una salita ripida.

Elettori anziani

Daniel Smith, professore di scienze politiche e sondaggista presso l’Università della Florida, ha monitorato l’affluenza alle urne da parte di gruppi demografici e ha affermato di essere stato colpito dalla partecipazione degli elettori più anziani. La Florida ospita un gran numero di pensionati e la sua variegata popolazione di anziani è una fetta molto ricercata dell’elettorato.

“Il voto degli anziani finora è stato enorme”, ha detto il dottor Smith, citando numeri che mostrano che due terzi degli elettori di 65 anni e più avevano già votato. Ciò sta accadendo nelle aree tradizionalmente repubblicane – come la contea di Sumter, sede dei villaggi, che ha già eguagliato il totale dei voti del 2016 – e in quelle più fortemente democratiche, come la contea di Broward.

Ma le elezioni possono essere vinte e perse nel mezzo, tra i tanti elettori più anziani che hanno votato per il signor Trump quattro anni fa ma si sono rivoltati contro di lui, e la cui opposizione è stata cementata solo dalla sua risposta alla pandemia di coronavirus.

“Trump ha raddoppiato ‘Covid, Covid, Covid’ e la ‘bufala’ di questo virus, e gli elettori più anziani non lo comprano”, ha detto il dottor Smith.

Eppure il signor Biden non ha lasciato il presidente nella polvere; secondo i tre sondaggi di questa settimana, i candidati si stanno grossolanamente dividendo gli elettori più anziani in Florida, il che significa che Trump si aggrappa ad almeno una leggera maggioranza di anziani bianchi.

Il presidente si è dimostrato sempre più repellente per gli elettori bianchi istruiti all’università di tutto lo stato. Questi elettori hanno respinto la signora Clinton e lo hanno sostenuto in modo schiacciante nel 2016, quando ha vinto il 60% delle donne bianche laureate in Florida contro il 37% della signora Clinton, secondo gli exit poll.

Ma il sondaggio Marist pubblicato giovedì ha rilevato che quei numeri erano più che capovolti: il 64% delle donne bianche con istruzione universitaria in Florida ha sostenuto Biden e il 35% ha sostenuto Trump.

L’effetto è stato particolarmente sentito nei sobborghi dello stato, che Trump ha vinto facilmente nel 2016 e che è rimasto in gran parte bloccato con i repubblicani nelle elezioni di medio termine del 2018, sfidando le tendenze nazionali. Il sondaggio NPR / PBS / Marist ha dato a Biden un vantaggio di 14 punti nelle aree suburbane.

La variegata popolazione latina

Come la maggior parte del paese, la Florida ha inclinato il Democratic nel 2018, con due seggi alla Camera che si ribaltano in blu. Ma in gare ristrette per senatore e governatore, i repubblicani ottennero vittorie.

In parte ciò è dovuto al calo del sostegno democratico tra gli elettori latini. Nel 2016, il 62 per cento degli elettori latini della Florida ha rotto per la signora Clinton, secondo gli exit poll; due anni dopo, solo il 54% ha votato per il governatore democratico e per i candidati al Senato.

Il signor Trump ha lavorato per rafforzare il suo sostegno tra i cubano-americani in particolare, e le sue affermazioni che i democratici stanno flirtando con il socialismo possono avere una particolare risonanza con questi elettori, molti dei quali appartengono a famiglie fuggite dal regime di Castro. Ma non è stato solo tra i latini cubani che i margini dei democratici hanno sofferto nel 2018.

Mentre il voto democratico generalmente è salito altrove, nelle tre contee della Florida con la più alta popolazione ispanica , è diminuito rispetto a due anni prima. Una di quelle contee, Miami-Dade, ha un’alta concentrazione di cubani, ma le altre, Osceola e Hendry, sono più pesantemente portoricane e messicano-americane.

Il signor Biden non è stato la prima scelta della comunità latina nelle primarie democratiche e il suo vantaggio su Trump tra gli elettori latini è stato inaffidabile da quando è diventato il candidato. Ciò è stato particolarmente vero in Florida, dove alcuni sondaggi lo hanno mostrato effettivamente legato a Mr. Trump.

“Sappiamo da tempo che è improbabile che Biden raggiunga i numeri del 2016 di Clinton, ma l’obiettivo sarebbe fare meglio di Nelson e Gillum nel 2018 ed essere più in linea con il punto in cui si trovava Obama nel 2012”, ha detto Carlos Odio, uno dei fondatori di EquisLabs, una società di ricerca latina di ispirazione liberale. Quell’anno, gli exit poll hanno dato al presidente Barack Obama un vantaggio di 21 punti su Mitt Romney.

Finora, il signor Biden non è riuscito a farlo. Calcolando la media dei risultati dei sondaggi Monmouth, Marist e Quinnipiac di questa settimana, Biden ha guidato di soli 12 punti tra i latini.

Gli elettori latini ora rappresentano circa uno su cinque votazioni espresse in Florida, il doppio della loro quota solo 20 anni fa.

Il signor Odio ha detto che i democratici cercheranno di conquistare gli elettori cubano-americani nella contea di Miami-Dade, ma che si concentreranno in gran parte sull’aumento dell’affluenza alle urne tra i circa sette latini della Florida che non sono cubani.

“Biden ha molto più spazio per crescere, e queste sono le popolazioni in cui ci sono più persone che decidono in ritardo”, ha detto Odio. Gli elettori latini hanno maggiori probabilità di altri gruppi di affiliarsi a nessuno dei due partiti e di essere in conflitto su quale candidato scegliere.

Ma rimangono solo pochi giorni per quella decisione. E la Florida quest’anno intende essere efficiente: sebbene sia nota per i suoi snafus nel conteggio dei voti, lo stato ha una lunga storia di accettazione di un numero elevato di schede elettorali e le sue leggi elettorali consentono ai funzionari di iniziare a contarle prima che in molti altri stati.

Insieme al fatto che le schede devono essere ricevute entro il giorno delle elezioni per essere conteggiate, ciò significa che è possibile che lo stato possa riuscire a dichiarare un vincitore entro la sera del 3 novembre, fornendo un potente indizio su quale candidato è sulla buona strada per vincere. la presidenza.

Ultimi aggiornamenti

Aggiornato Ott. 1 gennaio 2020, 13:28 ET 2 ore fa

Stanislao Barretta / Redazione

© TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Si diffida da qualsiasi riproduzione o utilizzo, parziale o totale, del presente contenuto. È possibile richiedere autorizzazione scritta alla nostra Redazione. L’autorizzazione prevede comunque la citazione della fonte con l’inserimento del link del presente articolo e delle eventuali fonti in esso citate.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Stanislao Barretta

Stanislao Barretta

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più