Categorie
Antipasti Consigli e Attrezzature Cucina Ultime Notizie

Carciofi conservati sott’olio preparati in casa: la ricetta per un antipasto gustoso

I Carciofi conservati sott’olio fatti in casa, come Melanzane, Zucchine, Fagiolini e Peperoni, sono perfetti da preparare a settembre per avere una scorta di verdure da consumare nei mesi successivi. #carciofini #carciofi #olio #conservate #conservazione #29agosto

I Carciofi conservati sott’olio fatti in casa, come Melanzane, Zucchine, Fagiolini e Peperoni, sono perfetti da preparare a settembre per avere una scorta di verdure da consumare nei mesi successivi. #carciofini #carciofi #olio #conservate #conservazione #29agosto

Carciofi conservati sott’olio preparati in casa: la ricetta per un antipasto gustoso

I Carciofi conservati sott’olio fatti in casa sono l’ideale per uno spuntino gustoso oltre che un antipasto perfetto se hai intenzione di organizzare un aperitivo in casa in compagnia degli amici. Senza contare poi che sono ricchi di proprietà importanti per la salute e il benessere dell’organismo come fibre e sali minerali fondamentali come calcio, fosforo, potassio e magnesio. E per quanto riguarda le foglie dei carciofi, ricorda che non sono uno scarto: adoperale per preparare un’ottima tisana

La preparazione richiede un po’ di tempo ma vedrai che, alla fine, ne sarà valsa la pena.

INGREDIENTI

(per 60 carciofi)

  • 60 carciofi freschi (meglio sarebbero i carciofini, ma la loro stagione è brevissima e non è sempre facile trovarli).
  • 2 limoni
  • 2 litri di aceto bianco
  • 2 litri di vino bianco da cucina
  • 1 cucchiaino colmo di sale grosso
  • 2 foglie di alloro
  • 3 chiodi di garofano
  • Pepe nero in grani
  • Aglio (facoltativo)
  • 1 litro e mezzo di olio evo di qualità

NOTE:

      1. Rispetta tutte le regole che ti abbiamo QUI indicato e consulta anche le linee guida ufficiali del Ministero della Salute sulle conserve fatte in casa.
      2. Prima di consumarle verifica che il sottovuoto sia avvenuto correttamente: aprendo il barattolo sentirai un rumore secco, se non lo senti e in superficie si sono formate muffe o bollicine d’aria, non consumare il prodotto.

OCCORRENTE

  • 1 pentola capiente
  • 1 ciotola capiente
  • 1 colapasta
  • 6 vasi da conserva da 500 grammi (o analoga capacità) perfettamente puliti e asciutti
  • Alcuni strofinacci da cucina non di pregio (si macchieranno inesorabilmente)
  • Guanti di gomma

PREPARAZIONE

  1. Pulisci i carciofi eliminando le foglie esterne più dure e le spine in punta.
  2. Tagliali a quarti e togli il fieno interno ed eventuali piccole spine.
  3. Man mano mettili nella ciotola piena d’acqua acidulata con il succo dei limoni.
  4. Quando se ne ha una certa quantità, comincia la cottura.
  5. Scalda nella pentola aceto e vino bianco con alloro, chiodi di garofano e sale.
  6. Trasferisci i carciofi un po’ alla volta, di modo che restino perfettamente immersi, e falli cuocere 15 – 20 minuti circa.  La cottura prolungata in ambente acido (aceto e vino bianco) mette al sicuro dal pericolo del botulino.
  7. Scolali con una schiumarola
  8. Passali nel colapasta per eliminare più liquido possibile
  9. Dopo qualche minuto, stendili su uno strofinaccio in uno strato solo.

Procedi così fino alla fine, alternando pulizia, cottura e asciugatura, avendo cura di mettere uno strofinaccio pulito tra uno strato di carciofi e l’altro.

  1. Lascia asciugare i carciofi per almeno 24 ore, quindi procedere a invasarli.
  2. Metti nel vasetto qualche grano di pepe nero e, a piacere, qualche fettina di aglio.
  3. Sistemaci i quarti di carciofo di modo da lasciare meno spazio possibile tra uno e l’altro, infine coprire con l’olio.
  4. Attendi qualche ora lasciando i vasetti aperti, di modo che le inevitabili bolle d’aria vengano a galla: si può stimolare questo passaggio schiacciando delicatamente i carciofi con una forchetta.
  5. Infine chiudi i vasetti, riponili in un posto asciutto e buio, e attendi con pazienza una ventina di giorni prima di gustarli.

NOTE:

  1. Lo scarto che deriva da questo lavoro è, purtroppo, enorme. Parte delle foglie si possono recuperare facendole seccare e utilizzandole per fare ottime tisane. I gambi si recuperano tutti: sbucciati, si conservano in freezer e si usano come se fossero freschi.

Carciofi conservati sott’olio preparati in casa: la ricetta per un antipasto gustoso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *