Esito del G20 di Roma summit concluso con alti e bassi
Esito del G20 di Roma summit concluso con alti e bassi

Esito del G20 di Roma; summit concluso con alti e bassi

Discussione attorno all’esito del G20 di Roma, con risultati buoni in alcuni campi ed alcuni argomenti passati maggiormente in sordina

Summit chiuso con ottimi accordi e qualche nota dolente

 

I punti di forza del summit

 

Il G20 si è svolto quest’anno nella città di Roma, più precisamente presso il palazzo del Viminale; nell’occasione, la struttura è stata circondata e sorvegliata in modo impeccabile dagli organi di sicurezza, i quali hanno permesso il corretto svolgimento del summit senza nessun tipo di intoppo, come dichiarato dal Ministro dell’interno Luciana Lamorgese.

L’incontro ha permesso la messa in evidenza e la discussione sui diversi argomenti che affliggono la popolazione, oltre all’elaborazione di nuovi piani futuri; i governi partecipanti hanno raggiunto un accordo sull’approccio alla pandemia da qui al prossimo anno, prefissandosi di vaccinare il 70% della popolazione mondiale entro i primi mesi del 2022.

Gli stati membri si sono anche adoperati in un’intesa tra Unione Europea e Stati Uniti per la sospensione dei dazi su acciaio e alluminio; infine si è raggiunta l’intesa per supportare i paesi in maggiore difficoltà con dei fondi (circa 86 miliari di euro ciascuno).

 

Nota dolente

 

Quello che doveva essere l’argomento più importante ed urgente da affrontare e da risolvere è stato invece oggetto di delusione; le aspettative attorno al cambiamento climatico ed eventuali soluzioni per alleviare la questione rimane irrisolta, mentre le speranze calano.

Alcune previsioni danno il mondo intero in seria difficoltà, ma offrono ancora delle speranze di poter invertire il trend se si inizia ad intervenire nell’immediato; in gioco ci sono le generazioni future ed il loro benessere, quindi tocca darsi da fare e accantonare altri argomenti, che davanti ad una crisi tanto delicata diventavo quisquilie.

Esito del G20 di Roma; summit concluso con alti e bassi/Antonio Cascone/redazione

Ascolta la WebRadio