Stringenti controlli della Questura di Palermo e Commissariato di P.S. di Termini Imerese
Stringenti controlli della Questura di Palermo e Commissariato di P.S. di Termini Imerese

Stringenti controlli nei luoghi della movida cittadina: denunce penali e pesanti sanzioni

Stringenti controlli della Questura di Palermo e Commissariato di P.S. di Termini Imerese (PA) nei luoghi della movida

Anche sul fronte della provincia palermitana, la Questura di Palermo organizza stringenti servizi per il contrasto del fenomeno della “malamovida” allo scopo di evitare disordini e schiamazzi ad essa connessi.

Ieri nel corso delle ultime ore, il Commissariato di P.S. di Termini Imerese ha coordinato e gestito un servizio interforze che ha visto schierato nei luoghi della movida cittadina un nutrito contingente composto, oltre che da poliziotti provenienti anche dal Reparto Prevenzione Crimine, anche da aliquote di Carabinieri e della Guardia di Finanza.

Nel quadrante cittadino compreso tra piazza Duomo e la via Belvedere, epicentro della movida termitana, sono stati operati capillari controlli ad esercizi di ristorazione e l’identificazione di numerosi giovani, ben 116.

Sono stati controllati 51 veicoli, elevate 2 sanzioni al Codice della Strada, 2 giovani sono stati indagati per ricettazione, il sequestro di un ciclomotore privo di targa e con telaio parzialmente abraso. Sono, invece, tre gli esercizi controllati che hanno fatto registrare rilevanti inadempienze per le quali sono stati sanzionati i titolari.

Complessivamente, sono state rilevate irregolarità legate alla mancata esposizione della Scia, alla mancata comunicazione al pubblico degli orari del locale ed alla mancata affissione del cartello di divieto di fumo, per una somma delle sanzioni che sfiora i 2000,00 euro.

Dentro e nelle immediate adiacenze di uno dei tre locali è stato, inoltre, registrato e sciolto un assembramento di giovani tutti privi di dispositivi individuali di protezione. Tale inosservanza ha comportato, per il titolare del locale, una sanzione di 400,00 euro.

I controlli proseguiranno nel corso delle prossime settimane.

Adduso Sebastiano

(le altre informazioni regionali le trovi anche su Vivicentro – Redazione Sicilia)

Ascolta la WebRadio