36 C
Castellammare di Stabia

Vivi Radio

lunedì, Giugno 27, 2022

Ordine di carcerazione per un trentenne oricense

Da leggere

La Polizia di Stato di Capo d’Orlando e Tortorici (ME) ha eseguito l’ordine nei confronti di un trentenne di Tortorici per mafia, estorsione e spaccio

Eseguito ieri l’ordine di carcerazione, dai poliziotti del Commissariato di Capo d’Orlando comune tirrenico della provincia di Messina in collaborazione con i colleghi del Posto Fisso di Tortorici (ME), emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Reggio Calabria, nei confronti di un trentenne oricense.

L’uomo è stato riconosciuto colpevole dei reati di associazione mafiosa ed estorsione finalizzati al traffico illecito di sostanze stupefacenti e dovrà scontare la pena della reclusione di anni 6, mesi 3 e giorni 16.

L’ordine di carcerazione è il risultato di più ampie indagini eseguite dalla Squadra Mobile della Questura di Messina e dal Commissariato di Capo d’Orlando, grazie alle quali, nel corso dell’operazione di polizia giudiziaria denominata “Senza Tregua”, nel maggio 2016, era stato duramente colpito il clan mafioso Bontempo-Scavo e due associazioni criminali che, nella zona dei Nebrodi, gestivano le estorsioni ed il traffico di stupefacenti.

Il trentenne è stato trasferito presso la casa circondariale di Siracusa.

Ci siamo occupati di recente dell’operazione di polizia giudiziaria denominata “Senza Tregua” del maggio 2016 in un articolo “Sentenza definitiva in carcere per traffico di stupefacenti  L’operazione “Senza Tregua” scattò alle prime ore del 30 maggio 2016 e vide i poliziotti del Commissariato di P.S. di Capo d’Orlando e della Squadra Mobile di Messina impegnati nell’esecuzione di una ordinanza di misure cautelari emesse dal G.I.P. del Tribunale di Messina dr. Salvatore MASTROENI, su richiesta dei Sostituti Procuratori della Direzione Distrettuale Antimafia di Messina, dr. Vito DI GIORGIO, dr. Angelo CAVALLO e dr. Fabrizio MONACO, nei confronti di 23 persone, di cui 16 sottoposte alla custodia cautelare in carcere e 7 ristrette agli arresti domiciliari …”

Adduso Sebastiano

(le altre informazioni regionali le trovi anche su Vivicentro – Redazione Sicilia)

ViviCentro TV


Ti potrebbe interessare

Vivi Radio

Ultime Notizie

- Pubblicità -
Cambia Impostazioni della Privacy