25.4 C
Castellammare di Stabia
mercoledì, Agosto 17, 2022

Chiusa una casa d’appuntamento attiva in pieno Covid-19

Chiusa a Catania una casa d’appuntamento ufficialmente centro massaggi ove si esercitava la prostituzione. L’opinione …

La Squadra Mobile della Polizia di Stato di Catania, su delega della Procura della città e su dispositivo del Gip del Tribunale, ha arrestato un cittadino cinese di 40 anni, Yashun Lin, al culmine di una inchiesta sullo sfruttamento della prostituzione di donne di cittadinanza cinese e sul favoreggiamento dell’immigrazione clandestina di alcune donne di nazionalità cinese.

Le indagini hanno permesso di accertare che alcuni cittadini cinesi, residenti da alcuni anni a Catania, hanno organizzato un giro di prostituzione di donne straniere che era articolato con modalità diverse al fine di accontentare clientele diverse.

Da un lato si è assodato che in alcuni “centri massaggi” siti nel centro storico del capoluogo etneo, ma anche in provincia e in altre città, ad esempio a Enna e Palermo, venivano offerte e effettuate prestazioni sessuali da donne orientali, a volte denominate “Tantra” o Touch me”, facendosi scudo delle autorizzazioni ottenute per effettuare prestazioni estetiche o massaggi.

L’organizzazione, però, in modo molto flessibile, offriva anche prestazioni rese contemporaneamente da più ragazze e assicurava anche la possibilità di un servizio a domicilio.

La medesima organizzazione, poi, offriva anche prestazioni sessuali effettuate da alcune donne, a volte in appartamenti fatiscenti con materassi posti direttamente a terra ed a volte in abitazioni più accoglienti, sorvegliate da videocamere.

Yashun Lin era chiamato dagli italiani Andrea o Luca, e dalle ragazze con il soprannome di Boss.

L’attività era organizzata nei minimi particolari e con molta cura: da un lato la stessa veniva pubblicizzata anche su internet ed i centri massaggi ed i numeri telefonici delle donne che si prostituivano comparivano tra i primi nelle ricerche del motore Google, accompagnate da patinate foto di donne orientali in atteggiamenti provocanti ed allusivi;

Il Yashun Lin, detto Boss, organizzava il calendario degli appuntamenti delle varie ragazze, occupandosene personalmente (lo stesso utilizzava uno strumento elettronico per camuffare la propria voce e per farla apparire femminile) o delegando tale compito a delle ragazze che lo aiutavano; lo stesso, poi, ritirava le somme di denaro guadagnate dalle varie ragazze che si prostituivano e si interessava di pagare gli affitti ad alcune persone che in parte sono già state iscritte nel registro degli indagati, mentre per altre è in corso la valutazione della loro responsabilità; ancora lo stesso Boss – spingendosi addirittura a offrire dei suggerimenti tecnici su come trattare con i clienti – si occupava, di effettuare la spesa alimentare delle donne che sfruttava e naturalmente curava la loro sicurezza, servendosi anche di sofisticate telecamere.

L’Opinione.

In estate, pertanto in pieno Covid-19 e nonostante i Dpcm che evidentemente valgono solo per i cittadini comuni e civili, c’erano risaputamente case d’appuntamento ovunque, anche nel messinese e soprattutto nei paesi turistico-balneari. Appartamenti notoriamente gestite da pregiudicati, nostrani e di fuori, con sfruttamento a girare di comunitarie e di colore, anche giovanissime. I clienti venivano in continuazione da tutte le parti, sbarbatelli, padri e nonni. Tutti, a cominciare dalle Autorità politiche, prefettizie e giudiziarie, Forze dell’ordine, Polizie municipali, guarda caso, sono stati miopi se non orbi. Poi però, dai menestrelli televisivi e giornali della politica oppure nei social dai vari codazzi di destra, sinistra e movimento, si pretende persino con sdegno, che si esponga il comune cittadino anche contro questi ambienti di papponi, sballati e malavitosi, i quali, evidentemente sanno anche “oliare” oppure offrire “servizi” alle persone giuste al posto giusto nel trasversale e maggioritario sistema pubblico-politico italiano e siciliano, eticamente ingannatore e interiormente corrotto, dagli scranni più alti fino all’ultimo sgabello.

Alcuni nostri articoli al riguardo:

23 Aprile 2019 Feste hard in cambio di voti, due condanne

6 Maggio 2019 In crescendo i casi di HIV in Sicilia rispetto alla Nazione. Si normi la prostituzione

28 Ottobre 2019 Chiusa dalla Polizia una casa di prostituzione. La normativa e la giurisprudenza

27 Novembre 2019 Casa d’appuntamento: indagate quattro persone, due espulse

6 Febbraio 2020 Prostituzione: arresti ad Agrigento e Messina (in Germania)

5 Marzo 2020 Coronavirus e prostituzione. Il DPCM per il contrasto al contagio

30 Maggio 2020 A Trapani la Polizia di Stato ha sequestrato una casa di prostituzione

18 Luglio 2020 Nel ragusano una prostituta affittuaria è risultata positiva. Si cercano i clienti

19 Luglio 2020 Due persone denunciate per favoreggiamento della prostituzione

10 Agosto 2020 Altra escort positiva che si è resa irreperibile. Si cercano i clienti

29 Agosto 2020 Due sorelle nigeriane arrestate per stalking e favoreggiamento della prostituzione

Adduso Sebastiano

Chiusa a Catania una casa d’appuntamento ufficialmente centro massaggi

Vivi Radio

Ultime Notizie

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare

ViviCentro TV


Da leggere

Cambia Impostazioni della Privacy