Controlli sulle strade, arresti domiciliari, rispetto antiCovid
Controlli sulle strade, arresti domiciliari, rispetto antiCovid

Arresti domiciliari per violazione avvicinamento; controlli; allontanamento; sanzioni

Giorni impegnativi per la Polizia di Stato di Agrigento e il Commissariato di Canicattì e Sciacca. Controlli sulle strade, arresti domiciliari, rispetto antiCovid

In data 03 novembre 2021, personale del Commissariato di Canicattì ha tratto in arresto A.D.C.P. classe 2001 ivi, per il reato di violazione del divieto di avvicinamento ad una distanza di 500 metri dai luoghi frequentati dalle persone offese ovvero madre, padre e nonno, come da ordinanza emessa dal G.I.P. del Tribunale di Agrigento nel 2021. In particolare, nella circostanza, il soggetto veniva trovato sotto casa della madre. Lo stesso veniva sottoposto agli Arresti Domiciliari come disposto dal P.M. di turno.

Terminata con un bilancio di 41 violazioni al Codice della Strada accertate su un totale di 103 veicoli controllati la campagna della Polizia di Stato di Agrigento finalizzata a verificare il rispetto del corretto utilizzo delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta da parte di conducenti e occupanti di veicoli a motore.

Durata 4 giorni, la campagna ha visto impegnate le pattuglie della Sezione Polizia Stradale di Agrigento in tutta la Provincia, lungo le principali direttrici di traffico.

L’obiettivo prefisso è stato non solo quello di sanzionare un illecito amministrativo che mette in pericolo la sicurezza delle persone sui veicoli a motore, ma anche quello di esercitare una forte azione di prevenzione. Si ricorda, infatti, che l’uso delle cinture di sicurezza è obbligatorio per tutti gli occupanti del veicolo, anche per quelli dei sedili posteriori e che i bambini non vanno assolutamente tenuti in braccio da parte degli adulti, ma vanno sistemati negli appositi sistemi di ritenuta (seggiolini e adattatori).

Nella del 31 ottobre 2021, personale della Polizia di Stato, in Canicattì, interveniva presso la Piazza IV novembre ove era stata segnalata una persona ubriaca che arrecava fastidio.

Gli Agenti della Sezione Volanti in servizio di controllo del territorio del locale Commissariato di Polizia, prendevano contatti con il titolare di un bar, il quale asseriva che poco prima un soggetto ubriaco dava fastidio agli avventori del locale.

Gli operatori, poco distante dal bar, individuavano la persona segnalata che veniva riconosciuta per M. F., persona nota agli Agenti per i numerosi precedenti penali di cui è gravato.

Lo stesso veniva accompagnato nei locali del Commissariato ove gli veniva contestata la violazione amministrativa ai sensi dell’art. 688 c.p. e l’ordine di allontanamento dal luogo dei fatti.

Nella serata di venerdì 29 ottobre, personale della Polizia di Stato di Sciacca, nell’ambito di servizi di controllo del territorio, ha effettuato dei controlli nel centro abitato di Sciacca protesi a verificare il rispetto delle norme anti Covid-19.

Sono stati controllati n.5 esercizi pubblici (bar, pub e ristoranti) ed identificati numerosi avventori. Nel corso dei controlli sono state elevate n.9 contestazioni amministrative a carico di soggetti presenti all’interno degli esercizi pubblici per la mancanza della mascherina e del green pass.  Le violazioni accertate hanno comportato la chiusura di n.2 esercizi pubblici per 3 e 5 giorni.

Adduso Sebastiano

(le altre informazioni regionali le trovi anche su Vivicentro – Redazione Sicilia)

Ascolta la WebRadio