Il giovane è stato arrestato durante dei controlli delle Nibbio della Polizia di Stato di Palermo
Il giovane è stato arrestato durante dei controlli delle Nibbio della Polizia di Stato di Palermo

Arrestato giovane per spaccio di cocaina

Il giovane è stato arrestato durante controlli delle Nibbio della Polizia di Stato di Palermo. Aveva 23 dosi di cocaina e due cell per le richieste

Con una operazione da manuale, in relazione alle linee guida del “controllo del territorio e della prevenzione e repressione dei reati”, la Polizia di Stato di Palermo ha tratto in arresto uno spacciatore e sequestrato numerose dosi di cocaina, impedendone di fatto l’immissione nelle fiorenti piazze di spaccio cittadine.

Il prologo dell’arresto e del sequestro di stupefacente è stato un normale controllo su strada da parte delle Nibbio, gli equipaggi a bordo di ciclomotore dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico.

I poliziotti, a tarda sera e ad un incrocio semaforico, hanno notato a bordo di un ciclomotore due giovani, uno dei quali senza casco. La circospezione usata dai giovani nel guardarsi attorno durante la sosta semaforica e la veloce ripartenza al “verde”, hanno fatto ritenere agli agenti che i centauri potessero nascondere responsabilità ben più gravi rispetto all’assenza del casco.

Le moto della Polizia di Stato hanno così, in breve, raggiunto i due giovani e gli agenti hanno avviato un controllo di polizia.

I due, entrambi diciannovenni della Zisa, hanno motivato il nervosismo, asserendo di esser preoccupati per altre inadempienze al Codice della Strada.

Il reale motivo di tanta preoccupazione sarebbe emerso nel corso del controllo ed in particolare quando il conducente è stato invitato a consegnare il contenuto del marsupio portato a tracolla.

Dopo un iniziale tentennamento, il giovane ha consegnato 23 dosi di cocaina e due telefoni cellulari: praticamente tutto il necessario per ricevere richieste di droga e soddisfarle nel più breve tempo possibile. Per sua stessa ammissione, i cellulari servivano a ricevere richieste ed a partecipare a chat ove, con frasi più o meno criptiche, sembrava che vi fossero riferimenti allo stupefacente.

Il giovane conducente ha assunto su di sé l’esclusiva responsabilità della detenzione ai fini di spaccio dello stupefacente ed ha raccontato agli agenti di averlo acquistato poco prima in una zona cittadina periferica con l’intenzione di trasportarlo e spacciarlo nel suo quartiere.

La droga ed il mezzo sono stati sequestrati, il conducente tratto in arresto. Indagini sono in corso per risalire alla provenienza ed alla destinazione dello stupefacente.

Adduso Sebastiano

(le altre informazioni regionali le trovi anche su Vivicentro – Redazione Sicilia)

Ascolta la WebRadio