Processo Olimpo condannato Adolfo Greco e diversi pezzi grossi
Processo Olimpo condannato Adolfo Greco e diversi pezzi grossi

Processo Olimpo; condannato Adolfo Greco e diversi pezzi grossi

Arriva la sentenza definitiva del Olimpo, la quale ha condannato l’imprenditore Adolfo Greco e alcuni esponenti della camorra stabiese

Due anni di indagini hanno finalmente dato i suoi frutti; arriva la sentenza definitiva che chiude il caso e assicura i sospettati alla giustizia

 

L’esito del processo

 

Due anni per raccogliere prove sufficienti per chiudere il caso, un’attesa a tratti estenuante che ha prodotto i risultati sperati; la sentenza definitiva ha prodotto diverse accuse per estorsione tentata o aggravata dalla matrice mafiosa, che ha coinvolto l’imprenditore stabiese Adolfo Greco ed alcuni volti noti alla criminalità locale.

Nel mirino del Tribunale di Torre Annunziata sono finiti l’imprenditore Adolfo Greco, con una condanna di 8 anni unita ad una sanzione di 8mila euro, dei fratelli Michele e Raffaele Carolei (appartenenti al gruppo D’Alessandro) con condanna di rispettivamente sei anni e tre mesi e sei anni e due mesi e Umberto Cuomo, condannato per sei anni e sei mesi; condannato, infine, Luigi di Martino (capo del clan dei Cesarano) per nove anni e sei mesi di reclusione) mentre è stato assolto Attilio di Somma, inizialmente apparso tra gli indiziati per poi essere scagionato per non aver commesso il fatto.

 

Due anni di attesa e di indagini

 

L’accusa e la relativa sentenza riguardante l’imprenditore Adolfo Greco scaturisce da due diversi episodi in cui è stato trovato coinvolto in affari loschi in cui aveva fatto da mediatore tra alcuni mafiosi e le loro vittime; il “re del latte” venne arrestato il 5 dicembre 2018 dopo che le autorità, in possesso di alcune prove a carico della questione, hanno fatto irruzione nell’abitazione dell’imprenditore trovando, tra l’altro, più di due milioni di euro in contanti nascosti nella suddetta abitazione.

A seguito della sentenza definitiva e della condanna dei colpevoli, il sindaco Gaetano Cimmino ha voluto dire la sua in merito, esprimendo tutta la sua gratitudine nei confronti di coloro che hanno collaborato per la riuscita dell’operazione e l’emissione del verdetto finale; il primo cittadino di Castellammare di Stabia ha tenuto a precisare che al Comune della città spetterà, secondo il verdetto del Tribunale, un risarcimento per le condotte criminali al quale ha dovuto far fronte negli ultimi anni.

La chiusura di questo caso, per quanto lunga e tortuosa, lancia un segnale di fiducia importante al popolo, che molto spesso si sente solo e inerme davanti ad atti criminali di qualsivoglia natura e gravità; assicurare dei criminali tanto famigerati alla giustizia dà prova del fatto che il sistema funziona e che bisogna solo credere in esso e collaborare al meglio delle nostre forze per fare in modo che eventi del genere e soggetti tanto pericolosi e senza scrupoli smettano di opprimere la vita delle persone che non vogliono fare altro che vivere una vita tranquilla.

 

Processo Olimpo; condannato Adolfo Greco e diversi pezzi grossi/Antonio Cascone/redazionecampania

Ascolta la WebRadio