Arresti, ma non è Palermo è Bologna. L’Italia unita dal malaffare e corruzione anche nei servizi funebri

Arresti di trenta persone in una maxi operazione dei Carabinieri a Bologna che ha toccato i due principali ospedali del capoluogo regionale. Una complessa associazione per delinquere che grazie alla collaborazione di infermieri anch’essi arrestati, nei due ospedali bolognesi, Maggiore e Sant’Orsola-Malpighi, deteneva il monopolio dei servizi pubblici. I Carabinieri di Bologna hanno quindi eseguito […]

Arresti di trenta persone in una maxi operazione dei Carabinieri a Bologna che ha toccato i due principali ospedali del capoluogo regionale.

Una complessa associazione per delinquere che grazie alla collaborazione di infermieri anch’essi arrestati, nei due ospedali bolognesi, Maggiore e Sant’Orsola-Malpighi, deteneva il monopolio dei servizi pubblici.

I Carabinieri di Bologna hanno quindi eseguito il mandato di arresto deciso dal Gip per circa 30 persone, considerate a vario titolo responsabili di “associazione per delinquere finalizzata alla corruzione”, “corruzione di incaricato di pubblico servizio”, “riciclaggio” e svariate violazioni connesse alla responsabilità amministrativa degli enti.

Secondo i Carabinieri, la cui operazione è ancora in corso, c’era un “radicato sistema corruttivo” strutturato su più livelli. Alla base alcuni infermieri a libro paga delle agenzie di servizi funebri. Gli infermieri avrebbero agganciato, secondo l’inchiesta condotta dal PM Giuseppe Amato, i familiari dei defunti mettendoli in contatto con i rispettivi referenti delle varie agenzie di servizi. Agenzie che erano il livello intermedio della catena: attraverso una stabile presenza presso gli ospedali – in contravvenzione a quanto normativamente previsto – fornivano nell’immediatezza tutti i dettagli del caso ed indirizzavano i nuovi clienti verso i loro uffici per la definizione della pratica. Al vertice c’erano due consorzi “in grado di dirigere le rispettive associazioni sotto tutti gli aspetti: dalla sistematica suddivisione dei vari “lavori” tra le varie ditte funebri partecipi al progetto delittuoso, alle complessive attività di gestione e redistribuzione delle ingentissime somme introitate”.

L’Opinione.

Fatta l’Italia, seppure spesso con il sangue dei meridionali, si dovevano fare gli italiani. E il traversale sistema pubblico-politico-giuridico-formativo con i suoi decennali ipocriti dettami nonché le sue ingannevoli leggi come pure con il suo incancrenito esempio sociopatico, misantropo, mistificatore e ingordo, è riuscito nell’intento di farci diventare italiani, ma tali e uniti nella devianza civile, corruttela, ipocrisia, appropriamento sopra chiunque ed ogni cosa, irrispettosi, asociali, arroganti e dediti al teatrino etico, il tutto pure a vantaggio di delinquenza e criminalità organizzate che così continuano a prosperare.

Ieri Transparency International Italia ha pubblicato una nota in cui evidenziava, con sbigottimento, che la Corte di Appello di Milano ha derubricato il reato di peculato a cui era stato condannato in primo grado il presidente di FNM (Ferrovie Nord Milano) dopo che aveva distratto dalla predetta società, partecipata dalla Regione Lombardia e Ferrovie dello Stato, 429mila euro, fondi di cui aveva disponibilità per via delle “funzioni svolte” e che avrebbe utilizzato per fini personali suoi e dei suoi familiari. Ora, che da profano lo scrivente abbia compreso, con l’approvazione del Decreto Anticorruzione, il reato di peculato è stato ripristinato ad ogni effetto (si ricordi l’emendamento presentato per sminuirlo e poi cancellato in Senato) anche quando si ha la disponibilità di somme pubbliche ma che si utilizzano per fini diversi da quelli istituzionali. Al signor Ministro della Giustizia e quello degli Interni, da cittadino ma con esperienza in trincea, continuo a chiedere, che il Governo, le Commissioni specialmente della Giustizia e il Parlamento, rivedano con sollecitudine, in modo chiaro, serio, severo e non poi interpretabili a discrezione, tutte le leggi di questi ultimi 50 anni, altrimenti la corruzione pubblico-politica-sociale, la delinquenza e le criminalità organizzate, la faranno sempre da padroni in questa bella Penisola, di suo.

Adduso Sebastiano

Commenta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ULTIME NOTIZIE

Ti potrebbe interessare

ViviCentro TV