Calcio - Eccellenza campana Ischia Juve Stabia

Simone Vicidomini. Poche speranze per l’Ischia contro le Vespe.

Le sue parole in esclusiva

Nel corso della trasmissione di ViViRadioWeb, Il Pungiglione Stabiese, abbiamo ascoltato un amico, nonché  giornalista e corrispondente per la nostra testata, Simone Vicidomini.

Ecco le sue dichiarazioni:

Sabato si affrontano Ischia e Juve Stabia. La compagine isolana, rilegata in piena zona play-out, è reduce dalla disfatta interna contro il Monopoli: Si, l’Ischia è ormai obbligata alla disputa dei play-out e ha il morale sotto i tacchi. Contro il Monopoli la squadra è apparsa priva di idee nella fase di impostazione del gioco, poco concentrata in difesa e senza mordente in attacco. È un momento delicato, spero che si possa salvare la categoria, conquistata dopo 15 anni di militanza in campionati interregionali. Sarà difficile strappare almeno un punto contro la Juve Stabia che, dopo il successo sofferto contro il Messina ha posto virtualmente fine al discorso salvezza.

Appena sette punti conquistati dopo il giro di boa, qual è Il morale della piazza: In questo momento i tifosi sono amareggiati, la squadra non è seguita. Si sono inclinati i rapporti con la società per tanti fattori. Innanzitutto la tifoseria contesta le scelte sbagliate di inizio stagione riguardo la costruzione dell’organico e gli illusori proclami ambiziosi del Presidente Napolino e dei suoi soci. Tante mancate promesse, hanno addirittura allontanato la squadra dal territorio e trasferito a Napoli l’intero settore giovanile. I tifosi hanno “gettato la spugna” e come se non bastasse, la squadra si è ulteriormente indebolita nella sessione invernale di calciomercato.

L’allenatore Bitetto, è stato esonerato dopo un promettente avvio di stagione. In molti lo rimpiangono: Si, purtroppo il tecnico è stato esonerato per la discontinuità di rendimento in termini di risultati, e sopratutto per la sua timidezza e il poco feeling con la piazza. Va detto però che aveva dato un’impronta di gioco alla squadra. Di male in peggio poi, sotto la gestione Di Costanzo. Nulla togliere al tecnico romano, ma evidentemente non era lui l’uomo adatto per ripartire, visto che la squadra è stata travolta da una crisi di identità, e in confusione totale in fase di impostazione tattica. Pochissimi punti racimolati, ha vinto solo la sfida contro il Catania qui al Mazzella, più per demerito degli etnei che meriti propri, e tra l’altro il susseguente esonero di Pancaro ne è stata la conferma. Poi il nulla, anche con il successivo ritorno di mister Porta, la squadra non è mai pervenuta, eccezion fatta per le convincenti prestazioni in trasferta a Benevento e a Foggia dove meritava di portare a casa almeno un risultato positivo.

Un tuo commento sul ritorno di mister Porta: In molti non hanno visto di buon occhio, manifestando apertamente il proprio disappunto anche usando toni offensivi nei suoi confronti domenica scorsa contro il Monopoli. Mi sento di dire che non ha colpe in questo momento, si è messo in gioco e proverà a centrare l’obiettivo salvezza. La squadra si esprime meglio in trasferta, in casa, non riesce ad affrontare l’avversario col piglio giusto, e palesa difficoltà in fase realizzativa. Non mancano i rimpianti, si poteva ottenere qualcosa in più contro squadre appagate e poco motivate. Esmpio lampante fu la disfatta contro la Paganese, l’undici di Grassadonia vinse con merito pur senza stimoli di classifica. La squadra gettò alle ortiche l’ approccio alla gara e l’ ennesima occasione in chiave salvezza per cercare di evitare la lotteria dei playout. Dispiace dirvi che questa è l’Ischia più scarsa degli ultimi quattro anni, mancano le idee e un metronomo sulla mediana in fase di impostazione. È andato via Izzillo uno dei perni del centrocampo, che insieme a Calamai facevano la differenza, e non sono stati degnamente rimpiazzati. Peccato perché si poteva virare su nuova linfa puntando sui giovani già affermati in questa categoria.

Qualche news sulla formazione dell’Isola Verde: Il tecnico, come suo solito, scioglierà i suoi dubbi solo dopo la rifinitura, e rende quasi impossibile pronosticare l’undici titolare. In dubbio Iuliano, il portiere ha avuto uno stiramento contro il Monopoli, a questo punto potrebbe rigiocare il suo vice, l’ex di turno Modesti. Credo che tatticamente sarà riproposto il 4-3-3. In difesa Florio a destra, Van Dam in coppia centrale con Moracci e Bruno per l’out di destra a comporre il pacchetto difensivo. A centrocampo dovrebbe recuperare Spezzani, in ballottaggio con Palma; ai lati Porcino a destra e Di Vicino che verrà impiegato a sinistra. Rubino in attacco è sulla via del recupero insieme a Pepe e probabilmente saranno convocati entrambi, con Kanoutè, Armeno e Gomez, sicuri di una maglia da titolare.

Armando Mandara

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale