juvestabia - news

Danilo Sorrentino: Paganese in cerca di riscatto dopo il ko di Cosenza”.

L’intervento del collega Danilo Sorrentino di paganesemania.it in diretta e in esclusiva al Pungiglione Stabiese

Nel corso della trasmissione radiofonica di ViviRadioWeb, “Il Pungiglione Stabiese”, abbiamo avuto in collegamento Danilo Sorrentino, collega di Paganese Mania; con lui si è parlato del match di domenica pomeriggio tra Juve Stabia e Paganese.

Derby importante tra le due tifoserie, la Juve Stabia punta a vincere per confermarsi tra le prime posizioni, la Paganese per risalire la china dopo un ritardo di condizione: Si esatto. La Juve Stabia verrà galvanizzata dal successo interno contro la capolista Foggia, dall’altro lato la Paganese fa ancora la conta ai danni dopo la sconfitta di Cosenza. Ingenua la formazione azzurrostellata soprattutto per le due espulsioni perché dopo aver giocato 70 minuti ad alto livello passando anche in vantaggio su un campo ostico come quello di Cosenza, una squadra che da tre anni staziona nelle parti alte della classifica, si è fatta rimontare e poi superare dopo due clamorose ingenuità. La prima ad opera di Alcibiade sull’1-0, il quale si è fatto espellere in virtù di due cartellini gialli nel giro di tre minuti e ancora più clamorosa poi l’espulsione di Marruocco, reo di aver dato una testata a Baclet a cinque minuti dal termine con la Paganese che si è ritrovata senza portieri avendo terminato i cambi a disposizione. È una squadra che dovrà ritrovarsi dal punto di vista mentale, pur consapevole che vi è la crescita dal punto di vista fisico. A Cosenza si sono viste conferme importanti sotto quest’aspetto seppur non sono arrivati punti preziosi per smuovere la classifica, che a mio avviso la formazione di Grassadinia avrebbe meritato.

La Paganese annovera due ex gialloblu, parliamo di Maiorano e Di Cuonzo, quest’ultimo uno degli eroi della promozione in serie B; oltre ad avere in rosa tanti nomi importanti per la categoria. Chi sta dando di più e chi ha invece  deluso le attese: Innanzitutto mi preme sottolineare che in rosa ci sono due giovani che ben si stanno confermando  per questa categoria e che a mio avviso avranno un futuro importante. Parlo di Deli e Cicerelli, due protagonisti di questo avvio a Pagani. In rosa sicuramente Reginaldo si sta ben comportando, un calciatore che sebbene sia stato fermo per due anni e sicuramente un incognita per tutti gli addetti ai lavori, è stato rimesso a nuovo dallo staff e adesso sta dando il meglio di se grazie anche al suo entusiasmo. Antimo Iunco invece sta offrendo poco, una mezza delusione vista la sua esperienza, anche se ha giocato pochissime partite e  attendiamo un suo rientro dopo l’infortunio. Poi sicuramente  anche Herrera dovrà ritrovare innanzitutto la condizione atletica e una collocazione tattica visto che è un esterno d’attacco nel 3-5-2 ridisegnato da Grassadonia. I due ex Juve Stabia invece stanno recitando la loro parte senza infamia e senza lode.

Quale sarà lo schieramento di Grassadonia in virtù delle assenze di Alcibiade e Marruocco: La Paganese è una squadra che non ha svolto il rimontaggio estivo, costruita in poche settimane ma sicuramente una mezza sorpresa di questo inizio di campionato. Fuori casa ha sempre meno difficoltà in quanto ha affrontato formazioni che in casa chiaramente non puntano a difendersi. La formazione azzurrostellata si esalta giocando con spazi aperti per la caratura dei suoi singoli, su tutti Cicerelli, Dezi e Reginaldo. Sicuramente sarà una partita apertissima a qualsiasi risultato e pronostico, la Paganese in casa ha sempre un po’ sofferto in quest’avvio. Nell’ ultima apparizione casalinga è arrivata la prima vittoria contro il Melfi, in precedenza due sconfitte e un pareggio contro il Francavilla, sempre perché ha incontrato squadre rinuciatarie e chiaramente ha inciso sul rendimento e anche sulle prestazioni della squadra. Non credo che sia il caso della Juve Stabia che dispone di calciatori offensivi e sicuramente non verrà a Pagani per alzare barricate. E quindi incontrando una squadra offensiva, sarà un derby acceso anche perché sono due squadre che giocano un buon calcio e per giunta votate all’attacco.

Ennesima riconferma per mister Grassadonia, una garanzia per i tifosi poter contare su un tecnico preparato e legato molto con la piazza: L’anno scorso non fu  accolto benissimo dalla piazza, ritornava a Pagani dopo aver lasciato appena due anni fa e reduce dalla vittoria del campionato a Messina in Seconda Divisione, mentre la Paganese in quell’annata aveva ottenuto una risicata salvezza sovvertendo le attese della piazza per la squadra che gli fu allestita. Non fu un gran ritorno, ma dall’anno scorso ha riconquistato un po’ tutti gli addetti ai lavori per il gioco che la squadra aveva dimostrato in campo. Ha meritato la riconferma sul campo, la squadra ottenne una salvezza tranquilla meritando anche la qualificazione per la disputa della Tim Cup. Ha avuto anche  offerte importanti da parte del Bari in serie B, e soprattutto da Modena, Matera e un ultimo sondaggio dalla dirigenza del Foggia all’indomani del dopo De Zerbi. È rimasto a Pagani, poi ha dovuto fare i conti con il caos iscrizione che lo ha portato anche a litigare e poi ritornare nei suoi passi con la società nel lungo periodo di transizione in attesa della riammissione al campionato. Chiaramente i tifosi hanno apprezzato molto che sia rimasto a Pagani nonostante tutte le difficoltà e credo che abbia fatto un buon lavoro in questi due mesi di difficoltà nell’alllestire e assemblare poi la squadra al torneo. Avrà ancora molto da lavorare per migliorare sul piano tattico, l’obiettivo preposto è quello di rientrare tra le prime dieci in graduatoria.

I tifosi come vivono questo momento, con entusiasmo o scetticismo?: In questo periodo a Pagani si è ricreato un certo entusiasmo, le presenze allo stadio sono aumentate rispetto all’anno scorso, in estate la piazza ha rischiato fortemente di scomparire dal panorama calcistico e adesso sta cercando di riavvicinarsi allo stadio. Al momento i tifosi sono amareggiati con il portiere Marruocco, quest’ultimo è stato incolpato sui social come primo responsabile per la sconfitta in quel di Cosenza.

Qualche news sulla formazione azzurrostellata: Credo che Grassadonia opterà nuovamente il 3-5-2 con Di Cuonzo che sostituirà Alcibiade in difesa, sarà arretrato a destra con Camilleri a centro. In porta andrà Kiriak, un ragazzo classe ’97 all’ esordio tra i professionisti; proviene dalla primavera del Modena e l’anno scorso ha giocato con la Correggese in serie D. Unico dubbio in attacco, Ciceretti potrebbe non giocare per un problema muscolare, in questi giorni sará valutato il suo infortunio. Sarebbe una grave perdita in questo momento per la Paganese visto che in questo momento è il calciatore più in forma della squadra di Grassadonia.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Si diffida dall’utilizzo e/o dalla riproduzione anche parziale del presente articolo senza citazione della fonte

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale