Nord - terza pagina

Danza macabra con morsi vampireschi in scena al Sociale

DANZA MACABRA
DANZA MACABRA
                            DANZA MACABRA, Adriana Asti e Giorgio Ferrara (Foto Luigi Laselva)

Lo spettacolo “ Danza macabra ” è in scena al Sociale dove Luca Ronconi prova a divertirsi trasformando  il testo di Strinberg in un comic-noir malefico attorno alla morte e, per farlo, porta in scena la coppia formata da  Adriana Asti e Giorgio Ferrara (che tale sono, in realtà, anche nella vita) affiancata da Giovanni Crippa ai quali  affida la rappresentazione del vivere quotidiano di un marito e una moglie che si ritrovano a celebrare 25 anni di una unione vissuta più come torturato e torturatore che concepiscono l’unione solo nel male, nell’odio, nella crudeltà, che come coppia. Ma la pierce, pur rimaneggiata, risente ancora della pesantezza del testo che porta con se anche un ritmo di scena e di recitazione troppo spesso lento per cui, il tentativo di rivitalizzarla dandocene una versione quasi comica con la quale Ronconi prova a trasformare il gioco al massacro di Strindberg in una vaudeville  noir dai tratti vampireschi, non riesce e la recitazione volutamente affettata dopo alcuni minuti di ascolto e visione diventa quasi soporifera.

Giorgio Ferrara è il capitano Edgar, una specie di fumetto che sbraita, tenta di ballare e accenna pantomime, il suo svenimento pieno di smorfie eseguito più e più volte è un insopportabile leitmotiv.

Poi c’è Adriana Asti, l’unica con un minimo di equilibrio e disinvoltura, ma anche la sua Alice, a causa delle scelte registiche, rimane in superficie rispetto alla varietà cromatica con cui potrebbe  apparire

Infine il debole, remissivo ed apatico Kurt di Giovanni Crippa, cugino della donna e artefice del loro incontro, che sembra uscito da un B-movie di vampiri con quell’estenuante omaggio al loro mondo, rappresentato anche dai morsi che in più di un’occasione i tre si scambiano accennando  così un sussulto di vitalità che però presto svanisce e così i due tornano alla loro vita d’inferno continuando a viverla rassegnati e convinti che solo la morte potrà separarli, quindi l’aspettano come liberatrice.

Edgar: «Cancellare per andare oltre, dunque andiamo oltre»

vivicentro-nord-terz-pagina /  Danza macabra con morsi vampireschi in scena al Sociale (Cristina Adriana Botis)

COLLEGATA:   DANZA MACABRA di August Strindberg al Teatro Sociale (BS)

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale