Nord - cronaca

Cuneo, costringe per mesi il marito a dormire sullo zerbino: denunciata dai carabinieri

CUNEO – Accusa di violenza privata per una casalinga di 39 anni di Ceresole d’Alba: quando l’uomo le chiedeva di contribuire alle spese familiari veniva messo alla porta

Chiudeva fuori casa il marito, costringendolo a dormire sullo zerbino. O addirittura in macchina, nel parcheggio sotto casa. E’ successo diverse volte. Per questo S.M. casalinga di 39 anni residente a Ceresole d’Alba, in provincia di Cuneo, è stata denunciata a piede libero, dai carabinieri della compagnia di Bra, per violenza privata continuata. La donna, secondo la ricostruzione dei militari, avrebbe sottoposto il compagno, un impiegato, a una sorta di mobbing, non solo costringendolo a dormire all’aperto, impedendogli di poter entrate nella casa in cui i due vivono insieme, ma proibendogli anche i gesti più ordinari come farsi una doccia o cambiarsi gli abiti. Una lunga serie di angherie quasi quotidiane che va avanti da più di quattro mesi. Alla base, spiegano i carabinieri, questioni di denaro che ogni volta sfociavano in litigi, con una conclusione quasi sempre uguale: l’uomo costretto a dormire fuori dalla porta. Al centro delle discussioni ci sono le spese familiari alle quali la donna non avrebbe alcuna intenzione di contribuire, lasciando che sia il marito a dover pagare sia il mutuo dell’appartamento sia le spese vive. Per questo lui, spossato dalla situazione e stanco di vivere in auto, ha deciso di denunciare tutto agli uomini dell’Arma. Diversi gli episodi ricostruiti dai carabinieri negli ultimi quattro mesi. I militari della stazione di Sommariva Bosco, coordinati dal maresciallo Angelo Montuori, hanno così denunciato alla Procura della Repubblica di Asti la donna che ora rischia una condanna fino a quattro anni.

vivicentro.it-nord-cronaca / larepubblica / Cuneo, costringe per mesi il marito a dormire sullo zerbino: denunciata dai carabinieri FLORIANA RULLO

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale