Editoriali

Nizza: la follia jihadista porta altro lutto in europa. Quando si reagirà?

Camion attacco a nizza

Il direttore de la STAMPA, Maurizio Molinari, ha scritto l’editoriale del giorno dedicandolo all’ennesimo attacco all’Europa portato da fanatici terroristi islamici che continuano, imperterriti, a mietere vittime innocenti in nome di un dio che se ci fosse realmente dovrebbe vergognarsi di aver prodotto simili seguaci e, nella sua declamata infinita potenza, dovrebbe fulminarli e sterminarli senza pietà come anche il resto del mondo dovrebbe cominciare a svegliarsi e a mettere da parte pietismi mal riposti e non meritati. Il fuoco va combattuto con il fuoco altrimenti si propaga sempre di più. Questo insegnano le buone regole antincendio, e questo E’ un incendio. Un incendio che sta dilagando sempre più e, con il passare del tempo, rischia di diventare indomabile. Loro dicono di amare la morte più della vita perché di là c’è anche uno stuolo di vergini ad attenderli. Ebbene, che si agevoli la dipartita delle loro anime in cambio dei loro corpi utilizzabili come cibo per maiali nostrani e/o come sottofondo di maialiere. Chiedo scusa, ma ritengo che con chi non intende ne sa ragionare c’è poco da discutere e dialogare.

Ma ora leggiamo cosa scrive Maurizio Molinari.

L’editoriale di Molinari: Jihadisti alla campagna d’Europa MAURIZIO MOLINARI

Attacco alla Francia nella notte del 14 luglio. Per colpire i jihadisti scelgono il giorno in cui i francesi celebrano la presa della Bastiglia e il momento in cui centinaia di persone affollano la Promenade des Anglais sul lungomare di Nizza. Le modalità dell’attacco svelano l’intento di umiliare la Francia lì dove si sente più forte: nel ricordo della rivoluzione, nella celebrazione delle proprie libertà, sulla spiaggia della Costa Azzurra simbolo del suo fascino.

I jihadisti conoscono il calendario e l’identità del Paese che colpiscono e li usano come strumento per diffondere il terrore al fine di «farvi temere la morte anche quando dormite» come aveva promesso Abu Bakr al-Baghdadi, il Califfo dello Stato Islamico (Isis). Lo strumento dell’assalto è un camion lanciato ad alta velocità contro la folla inerme: un metodo già testato più volte da singoli jihadisti in località minori della Francia nonché emulazione di una delle tattiche dei jihadisti della «Car Intifada» contro Israele.

Se la strage del Bataclan a Parigi ha segnato l’inizio della campagna di attacchi all’Europa e gli assalti a Bruxelles e Istanbul hanno rivelato l’esistenza di una vasta rete di cellule, la carneficina di Nizza suggerisce che l’offensiva è in pieno svolgimento. Imponendo ad ogni Paese di reagire con forme di integrazione nella sicurezza di efficacia tale da generare una nuova dottrina per la difesa collettiva.

Licenza Creative Commons 

Alcuni diritti riservati

vivicentro.it/editoriale – lastampa / L’editoriale di Molinari: Jihadisti alla campagna d’Europa MAURIZIO MOLINARI

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale