Editoriali

Gli assassini sono dentro le nostre città DOMENICO QUIRICO

Gli assassini sono dentro le nostre città DOMENICO QUIRICO

DOMENICO QUIRICO – L’assassino. Lo vediamo di nuovo. Il mistero Salah, il jihadista mancante, il terrorista di Parigi che aveva portato il fratello a morire, diventa un altro, si complica: non più il perché della fuga o della sua rinuncia. Sembrava, a sfogliare gli appunti di quattro mesi fa, in fondo tutto semplice: ecco, è lui l’assassino, forse l’ideatore di quel piano complesso, nel suo cervello è nata l’idea e ha cercato le mani che la mettessero in atto. Poi è fuggito: non kamikaze, ma combattente, pronto a uccidere ancora. E invece la domanda che brutalmente si impone dopo quattro mesi di latitanza è quanto gli assassini del califfato mondiale abbiano radici e spazio dentro il nostro mondo, dentro le nostre città. Come può un uomo così braccato muoversi per tanto tempo in una città che trabonda di poliziotti, agenti segreti, gendarmi?

Non a Raqqa o a Mosul ritroviamo, di colpo, la sua orma; ma in Belgio! Nel quartiere di Molenbeek con le sue casette basse e linde, il gran pavese di biancheria stesa a asciugare un’aria di sonnolenta normalità borghese, setacciato e risetacciato dalle forze di sicurezza. La culla del malefico ordine terroristico.

Eppure era lì, con il suo mezzo sorriso e l’impressione di una ambiguità a fior di pelle; imprendibile fino all’epilogo troppo disconnesso nel tempo per non lasciare dubbi e paure. Le cose del terrorismo davvero vanno spesso guardate a rovescio per vederle diritte.

E allora si conferma e si ispessisce il terribile enigma. Noi abbiamo paura della invasione, dell’infiltrazione silenziosa di jihadisti camuffati da migranti. O del ritorno dei combattenti della legione straniera islamica inviati a incendiare la cittadella degli infedeli. E se invece fosse obbligatorio guardare dentro noi stessi, nelle pieghe delle nostre città dove scopriamo pozzi di buio che non immaginavamo. Come sempre radicalità e banalità di un male che ci riguarda ancor più perché ha l’inquietante estraneità degli specchi. Il terrorismo è anche figlio naturale di una coppia diabolica: islam ed europa.

Quanto è profondo il jihadismo europeo, l’acqua in cui nuota? Conosciamo ancora le nostre città? Siamo certi che non sia, anche lì, ben annidato, il mondo dell’islamismo radicale con i suoi codici le sue parole d’ordine i territori segreti, il potere dei mullah che ispirano gli animi alla follia la sua manovalanza e i suoi generali? Un mondo che è anche il nostro in cui è stata possibile la latitanza di Salah Abdeslam. Un mondo sconosciuto senza punti di riferimento a noi noti. Siamo convinti che il califfato e i suoi pretoriani si collochino solo sullo sfondo di mondi inerti o spietati, premoderni? Attenzione a non sbagliare secolo. Il mondo che credevamo di dominare scricchiola attorno a noi, ma anche al nostro interno. I gesti più consueti diventano difficili sotto l’urto della angoscia della sicurezza. Un inferno silenzioso in cui si intrecciano i fili delle nostre future tragedie.

Allora, per capire, bisogna tuffarsi nella vita di questi uomini, misti di ideologi e di bruti, di sant’uomini e di assassini seriali come in un sacco. Risalire nodo dopo nodo il filo delle loro scelte fino ad arrivare al primo, a quello che fatto deviare tutta la vita e l’ha spinta verso altro. Dove la mancanza di appartenenza si confonde con il desiderio perduto di appartenere.

Diamo troppa importanza forse a internet, ai profili facebook. E’ intorno alle moschee improvvisate delle periferie, a sordidi capannoni diroccati trasformati in luoghi di preghiera che il jihadismo cerca le sue prede. O nelle prigioni dove santità e crimine si toccano dando vita a imprevedibili conversioni, dove giovani vengono inghiottiti dall’attraente, sinistra, silenziosa risacca della scelta totalitaria. La nostra indifferenza non si è accorta che qui tra noi, non nel silenzio dei deserti, in ogni uomo sonnecchia un profeta e quando si risveglia c’è un po’ più di male nel mondo.

lastampa / Gli assassini sono dentro le nostre città DOMENICO QUIRICO

Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservat

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale