Economia

I Panama Papers e l’operazione trasparenza

Panama Papers

I Panama Papers hanno portato ai vertici dell’agenda politica la questione della trasparenza fiscale. Oggi la Commissione europea presenta proposte volte a rafforzare la trasparenza fiscale delle multinazionali che operano in Europa, per gettare luce sul mondo complesso e talora oscuro del fisco internazionale.

Le nostre economie e le nostre società dipendono da un sistema fiscale percepito come equo. A generare una sensazione di ingiustizia è il fatto che le grandi imprese, grazie alle risorse e alle strutture su cui possono contare, riescono a trovare il modo di ridurre notevolmente la loro aliquota fiscale effettiva.

Se alcune imprese pagano meno tasse, le altre saranno costrette a pagarne di più. Le piccole che non si possono permettere adeguate consulenze fiscali, che consentano loro di ridurre al minimo le tasse, si ritrovano in sostanza a pagare per le multinazionali. Ciò è inammissibile in termini di equità e di concorrenza leale.

Per questo motivo proponiamo norme che prevedono l’obbligo per tutte le grandi multinazionali che operano in Europa di rendere pubbliche le informazioni sul luogo in cui realizzano gli utili e quello in cui pagano le tasse, fornendo i dati paese per paese. Le norme interesseranno circa 6.500 imprese con un fatturato di oltre 750 milioni di euro. Le imprese sarebbero inoltre tenute a comunicare l’ammontare complessivo delle tasse che pagano fuori dall’Ue, fornendo informazioni specifiche per le imposte versate nelle giurisdizioni fiscali problematiche (i «paradisi fiscali»).

Le informazioni sarebbero rese disponibili, per un periodo di cinque anni, su un sito Internet della società, in modo che chiunque fosse interessato possa sapere dove pagano le tasse le multinazionali. Per far sì che le imprese europee non siano le uniche a dover sottostare a tali obblighi, le stesse norme sarebbero applicate anche alle grandi filiali di imprese non europee che operano in Europa.

La proposta è un modo semplice, efficace e proporzionato per contribuire agli sforzi compiuti affinché le grandi multinazionali paghino la giusta quota di imposte e si basa su un’attenta valutazione d’impatto. Non chiediamo la divulgazione di segreti aziendali né intendiamo danneggiare la competitività globale delle multinazionali, ma dobbiamo far fronte con decisione allo svantaggio competitivo di cui soffrono attualmente le Pmi.

Le misure descritte fanno parte di un più ampio programma di riforma, precedente ai Panama Papers. A livello internazionale abbiamo collaborato strettamente con l’Ocse e con il G20 per promuovere principi globali di buona governance in materia fiscale. Riteniamo che una maggiore trasparenza possa contribuire in misura determinante a sostenere questo programma. Le violazioni della legge vanno punite con condanne penali e sanzioni severe. Se invece la legge non è stata violata e le attività smascherate non sono altro che metodi legali per eludere il pagamento delle tasse, la trasparenza può aiutarci a capire se le normative in vigore sono appropriate. Qualora non lo fossero, bisognerebbe provvedere a eliminare le scappatoie. Le imprese dovrebbero chiedersi se agiscono per tutelare gli interessi superiori a lungo termine dei loro azionisti in termini di reputazione.

Affinché le imprese possano prosperare c’è bisogno di un contesto fiscale competitivo, ma sono i governi che devono pensarci, non legali e consulenti fiscali scaltri che escogitano sistemi ancora più complicati per alleggerire il carico fiscali di alcuni privilegiati. Per generare l’occupazione e la crescita necessarie, abbiamo bisogno di imprese forti e che ispirino fiducia. Una maggiore trasparenza può contribuire a rafforzare la fiducia nelle imprese e ad assicurare una concorrenza equa.

vivicentro.it-economia / lastampa / I Panama Papers e l’operazione trasparenza VALDIS DOMBROVSKIS*, JONATHAN HILL**

*Vicepresidente Commissione Europea

** Commissario Ue per i mercati finanziari

Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati.

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale