Attualità

Scozia e Turchia scuotono l’Europa

Palazzo Westminster, sede del Parlamento inglese (foto DaniKauf)
Palazzo Westminster, sede del Parlamento inglese (foto DaniKauf)

Londra è pronta a imboccare la strada della Brexit, ma la Scozia scuote l’Unione annunciando un nuovo referendum sull’indipendenza di Edimburgo. Restare nell’Ue – scrive Bill Emmott – è una scommessa che la leader dello Scottish National Party, Nicola Sturgeon, ha buone probabilità di vincere.
Intanto Erdogan minaccia l’Olanda che vota domani: stop al dialogo diplomatico. E Mark Rutte vira a destra per respingere il populista Geert Wilders.

La Scozia non rinuncia al suo sogno: nuovo referendum per l’indipendenza

La leader accusa: non vogliamo la vostra Brexit, via l’iter per la secessione nel 2019. La Camera boccia gli emendamenti approvati dai Lord: ok formale per l’addio all’Ue

LONDRA – Un nuovo referendum sull’indipendenza scozzese, da tenersi tra l’autunno del 2018 e la primavera del 2019, quando la Gran Bretagna starà per dare l’addio all’Unione europea. L’annuncio della leader indipendentista Nicola Sturgeon è un terremoto che scuote Westminster e mette a rischio l’unione tra Londra ed Edimburgo che dura da oltre trecento anni. La Gran Bretagna – fuori dall’Ue, dal mercato unico e dall’unione doganale, almeno secondo le intenzioni di Theresa May – potrebbe ritrovarsi un po’ più piccola oltre che più sola. Da Great Britain a «Little England», forse.

L’annuncio di Sturgeon fa irruzione nel bel mezzo di giornate cruciali per la Brexit: lei prendeva la parola a «Bute House», la residenza ufficiale del «first minister» (il primo ministro locale) a Edimburgo, e poche ore dopo, all’ombra del Big Ben, un Parlamento sotto choc dava l’avvio formale alle procedure di divorzio da Bruxelles con la Camera dei Comuni che ha ripristinato il testo originale bocciando gli emendamenti dei Lord. Oggi May riferirà a Westminster sul vertice europeo dei giorni scorsi, l’ultimo cui la Gran Bretagna ha partecipato prima di dare avvio alla Brexit. Resta da vedere se invocherà in questa occasione l’Articolo 50, che fa scattare i due anni di negoziati. Secondo molti osservatori, l’annuncio di Edimburgo potrebbe aver indotto la premier ad aspettare, forse fino alla fine del mese, passate le celebrazioni per l’anniversario dei Trattati di Roma.

 

Sono trascorsi appena due anni e mezzo dall’ultimo referendum scozzese (finito con un secco 55%-45% contro l’indipendenza). Allora il voto era stato bollato dagli indipendentisti come l’occasione di una vita, un’opportunità da cogliere ora o mai più. Con la Brexit tutto è cambiato. La Scozia ha votato (62%) per restare nell’Ue mentre Inghilterra e Galles trascinavano il Paese fuori dal blocco. E i tentativi di Sturgeon di moderare la «Brexit dura» di Theresa May non sembrano finora aver portato a nulla. «I nostri sforzi per raggiungere un compromesso sono andati a sbattere contro un muro d’intransigenza», ha detto la «first minister» nel suo discorso, aggiungendo di voler dare alla Scozia «una vera scelta prima che sia troppo tardi». A cambiare non è stato solo il quadro politico, ma anche i sondaggi, con il fronte indipendentista in crescita e in sostanziale parità con il fronte del no.

L’ipotesi di un nuovo referendum era nell’aria, ma nessuno si aspettava una tale accelerazione. Sturgeon ha giocato d’anticipo per spiazzare la May. Che ha reagito duramente, accusando la rivale di avere una «visione ristretta». E ha aggiunto: «Invece di giocare con il destino del nostro Paese, il governo scozzese dovrebbe pensare a garantire servizi ai suoi cittadini». Delusi anche i vertici del Labour in Scozia, anche se Jeremy Corbyn, segretario del partito, ha detto che non si opporrà ad un nuovo plebiscito.

Secondo la legge, la decisione se indire o no il referendum spetta a Londra. May deve fare i conti con una richiesta politicamente difficile da ignorare, anche nel quadro della devolution, ma anche evitare di incoraggiare altre spinte scissioniste che già si affacciano, dall’Irlanda del Nord al Galles. E allora la partita si potrebbe giocare sui tempi: Londra potrebbe sì permettere il referendum ma ritardarlo e aspettare che l’altro divorzio, quello da Bruxelles, sia cosa fatta, nella speranza che questo giochi a suo vantaggio. Ma è una scommessa aperta. Mentre tutti, ieri, guardavano a Westminster, è stato l’annuncio di Edimburgo a rendere ancora più incerto il futuro del Paese.

vivicentro.it/attualità
vivicentro/Scozia e Turchia scuotono l’Europa
lastampa/La Scozia non rinuncia al suo sogno: nuovo referendum per l’indipendenza ALESSANDRA RIZZO – LONDRA

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale