Attualità Nord - politica

Padova: niente kebab e piatti stranieri nel centro della città

Il sindaco di Padova Massimo Bitonci ha firmato una ordinanza per cercare di vietare kebab e piatti stranieri in centro
Il sindaco di Padova Massimo Bitonci ha firmato una ordinanza per cercare di vietare kebab e piatti stranieri in centro

Il sindaco di Padova Massimo Bitonci firma un’ordinanza per cercare di vietare kebab e piatti stranieri nel centro della città. Secondo il provvedimento nei locali dovrà esserci almeno il 60% di prodotto veneti. “Vogliamo difendere le attività che vendono prodotti di qualità” spiega. Una svolta drastica destinata a scatenare polemiche anche se la giunta assicura che “sono previste deroghe”.

La svolta autarchica di Padova: 60% di prodotti veneti nei locali

Ordinanza del sindaco leghista Bitonci contro i ristoranti stranieri

PADOVA – «Prima i Veneti». Schiere di aspiranti primi cittadini marchiati Lega Nord, nati e cresciuti in seno alla ridente Padania, ci hanno ricamato sopra intere campagne elettorali. Dalle case, alle scuole, al lavoro. La padovanità e la trevigianità, tanto per fare un esempio, sono diventate valore aggiunto per avere un alloggio, un banco a scuola e quant’altro. Massimo Bitonci, primo cittadino di Padova, con l’ultima ordinanza, ha superato se stesso: ha declinato il primato veneto in chiave alimentare. Da «domani», chiunque voglia aprire un bar, un ristorante, un chiosco, dovrà esporre sul bancone il 60 per cento di prodotti veneti doc: dal baccalà ai bigoi in salsa, dall’oca in onto alla polenta in tocio passando per la sopa coada. «È consentito esclusivamente l’insediamento e il trasferimento di attività artigianali/commerciali di preparazione e/o vendita di prodotti alimentari, qualora l’esercente ponga in vendita nella misura di almeno il 60% di prodotti filiera veneta o comunque tipici del territorio e della tradizione storico culturale della città di Padova e della Regione Veneto» si legge all’articolo 4 bis del provvedimento, che sarà probabilmente quello che più provocherà polemiche.

L’obiettivo è chiaro, tanto che l’ultima trovata di Bitonci è già stata soprannominata ordinanza anti-kebab. C’è un ma: se la legge è uguale per tutti, nel menu di un qualsivoglia nuovo ristorante giapponese non potranno mancare le sarde in saor o il bisato in tocio (anguilla in umido, per i non appassionati del genere)…. «Per esser chiari, è una norma antikebab che la nostra giunta ha deciso di intraprendere per difendere le attività che vendono prodotti di qualità» ha sottolineato il braccio destro di Bitonci, Eleonora Mosco, presentando i contenuti del regolamento. In sostanza, chiunque vorrà aprire un’attività nel centro storico di Padova che preveda il commercio d’asporto (kebabbari, pizzerie, gastronomie, generi alimentari, rosticcerie e take away), dovrà dimostrare di vendere almeno il 60% dei prodotti provenienti dalla filiera veneta.

«Un prodotto si dice di filiera veneta quando ogni fase, dalla produzione primaria alla commercializzazione, avviene nella Regione Veneto» è ratificato nel regolamento. Che però da una chance anche a chi non vorrà rispettare questo limite, mettendo però dei paletti ben precisi, partendo innanzitutto dal veto della giunta comunale, ovvero del sindaco Massimo Bitonci. Che resta, s’intenda, il nemico numero uno dei kebbabari – li aveva già vietati quand’era sindaco di Cittadella, nel 2011, ma d’altronde è «nemico» anche di ambulanti, riviste pornografiche, commercianti abusivi e slot machine – ma non poteva usare il pugno di ferro. La giunta quindi si è accorta subito del «pasticcio» e si è premurata di annunciare che «sono previste deroghe». Ma, manco a dirlo «verrà effettuata un’analisi caso per caso», partendo comunque dal veto della giunta. Peccato, l’abbinata sashimi-sopa coada poteva dare soddisfazioni agli eterni indecisi.

Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati

vivicentro.it/nord/poitica
vivicentro/Padova: niente kebab e piatti stranieri nel centro della città
lastampa/La svolta autarchica di Padova: 60% di prodotti veneti nei locali MASSIMO GUERRETTA

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale